Matrimonio litigioso

L’immagine del matrimonio litigioso non si ritrova soltanto nelle avventure degli dei, ma anche in molti racconti popolari che hanno per protagonisti gli esseri umani. Ad esempio, sono leggendari i rapporti che legavano Socrate alla moglie Santippe. Si raccontano molti aneddoti di questa moglie litigiosa e invadente, ma lo stesso Socrate, nonostante la sua saggezza, non fu certo un marito gradevole. Il racconto della sua morte dimostra la sua freddezza nei confronti di Santippe: circondato dagli amici, Socrate si dichiarò pronto a morire e prese il calice con la cicuta. Sua moglie piangeva da spezzare il cuore e tuttavia in modo deciso Socrate chiese ai suoi amici di allontanare quella “creatura piagnucolosa”.

Adolf Guggenbühl-Craig

Annunci

2 Risposte

  1. …E’ che la vita di Socrate passava attraverso la vita degli ateniesi e gli scritti dei suoi discepoli; anche la sua dipartita verso l’Ade, allora, doveva essere plateale e da “exemplum” a loro… Una moglie che da lì a breve avrebbe perso la ragione prima per cui alzarsi la mattina; l’unico essere nella vita di Socrate che sapeva cosa diceva e cosa faceva… per far partire bene il cervello del marito Socrate, per farlo partire da casa e preferirle i suoi discepoli; l’unico essere che non subiva l’influenza del maestro Socrate e che metteva d’accordo tutto l’Olimpo, poichè in esso tutti gli dei confidavano e si personificavano per mettere a dura prova l’intelligenza del più sapiente degli uomini; quella creatura non poteva coprire con il suo lamento l’ultima parola famosa del grande Socrate rivolta ai giudici: – Tafani!!! – E infatti non c’è traccia negli scritti di Platone di un ultimo “Tafani!”, prima che il maestro partisse per andare a tormentare uno per uno gli eroi dell’Ade e scoprire chi di loro era veramente sapiente…
    Xantippe, cara Xantippe… si dice che Socrate avesse detto che “Una vita senza ricerca non è degna di essere vissuta” : credo che ogni mattina uscisse dal vostro talamo per andare alla ricerca della soluzione del mistero che lo legava a te!!! Suppongo! 🙂

  2. Nei mondi materia ancora esiste la DUALITA’ dell’essere, ma ci sono mondi in cui l’essere non si frammenta nei due divini aspetti…
    Socrate è uno di questi, un essere di un altro mondo che per un amore più grande è sceso molte volte in questa terra, in un ruolo che l’ha visto nel sociale e nelle tradizioni di ogni popolo, ma sempre è stato artefice del suo grandioso destino perché la sua vera natura era guerriera, tanto che spesso seguiva ed aiutava giovani anche in guerra. In quanto all’Ade, non è un mondo dell’oblio così come ci viene erroneamente raccontato, bensì il mondo SOTTERANEO, assai più evoluto di quello in superficie.. Un mondo che vive già nella quinta dimensione, mentre qui a stento come bipedi e feroci animali intellettualizzati siamo ancora rilegati ad una pura materiale espressione e a tantissima illusione legata al sesso, ai sensi e soprattutto ad un balordo, discriminante inquisitori/schiavizzante condizionamento sociale che ci rende schiavi dei propri desideri.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...