Eros

Ogni anima ottiene per sé quanto corrisponde alla sua natura, e genera un Eros secondo i suoi meriti e la sua essenza.

Plotino

36 Risposte

  1. Da ” Il Signore degli Anelli – L’Ombra del passato” di J.R.R. Tolkien

    […] O Gandalf, il più caro e sincero trai miei amici, che devo fare? Che peccato che Bilbo non abbia trafitto con la sua spada quella vile e ignobile creatura quando ne ebbe l’occasione! –

    – Peccato? Ma fu la Pietà a fermargli la mano. Pietà e Misericordia: egli non volle colpire senza necessità. E fu ben ricompensato di questo suo gesto, frodo. Stai pur certo che se è stato grandemente risparmiato dal male, riuscendo infine a scappare e a trarsi in salvo, è proprio perchè all’inizio del suo possesso dell’Anello vi era stato un atto di Pietà. –

    – Mi dispiace! – disse Frodo – ma sono terrorizzato e non ho alcuna pietà per Gollum. –
    – Non l’hai visto. – interloquì Gandalf.
    – No, e non ne ho alcuna intenzione – disse Frodo. – Non riesco a capirti; vuoi dire che tu e gli Elfi l’avete lasciato continuare a vivere impunito, dopo tutti i suoi atroci crimini? Al punto in cui è arrivato è certo malvagio e maligno come un Orco, e bisogna considerarlo un nemico. Merita la morte. –

    – Se la merita! E come! molti tra i vivi meritano la morte. E parecchi che sono morti meritano la vita. sei forse tu in grado di dargliela? E allora non essere troppo generoso nel distribuire la morte nei tuoi giudizi: sappi che nemmeno i più saggi possono vedere tutte le conseguenze. Ho poca speranza che Gollum riesca a essere curato e a guarire prima di morire. Ma c’è una possibilità. Egli è legato al destino dell’Anello. Il cuore mi dice che prima della fine di questa storia l’aspetta un’ultima parte da recitare, malvagia o benigna che sia; e quando l’ora giungerà, la pietà di Bilbo potrebbe cambiare il corso di molti destini e soprattutto del tuo. […]

  2. Valeriona… , mi sei mancata… , mi puoi credere.

    Per il momento non verrò sul blog.. , perchè non mi sento sereno…. In qUesto periodo sono impegnato su più fronti… sto anche ricostruendo… .una vecchia casa. .

    Però vi penso sempre…. . Qualcuno non ci crederà, eppure le persone che ” abitano ” nel blog, io le amo. ANCHE QUELLE CHE HO AVUTO UN PICCOLO CONTRASTO.

    Gabriellone, grazie, non sbagli mai… . Olre ad assere colto, sei un uomo saggio e buono… . La tua FORZA CONSISTE DI AVERE DATO UN’ ANIMA AL SAPERE, NON E’ DI TUTTI…. .

    TU SEI QUESTO … !

    ValeriucciA ” mia “, sto leggendo un libro, che mi ha colpito… : ” Racconti di un pellegrino russo “.

    Costui ha tradotto ciò che cerco io, ahahahaha.. Te lo consiglio di comprarlo, sempre se non lo conosci, VISTO CHE HAI LETTO L’ IMPOSSIBILE.

    Bimbetta, ti dovrò lasciare… però.. prima qualche video, ci vuole…., fa parte di anima… , poi mi dovrò far sentire… , è una settimana che non ti vedo… ahahaha. Un bacione a te e al prof.

    La poesia e la musica, che invio, anche se sono conosciute, rimarranno eterne, perchè IL LORO FASCINO SUPERA LA REALTA’ DELLA MORTE UMANA.

    Valeriona cara, Omero, Socrate, Platone, Virgilio, Dante… , insomma i grandi, rimarranno eterni, non per i loro rapporti umani, a volte, buoni o cattivi, MA PER IL LORO PENSIERO, PER CIO’ CHE HANNO SCRITTO.

  3. Caro ZInno, con te mi è più facile “sbottare” o scherzare perciò ti ringrazio per la bella musica ma passi lunghi e ben distesi, caro: … seconda stella a destra e poi dritto fino al mattino, march!!! 😀
    Scherzavo, infatti: basta con il fai da te in casa… Chiama l’idraulico, benedetto ZInno, mentre tu torna in te! Esci… Cioè entra… entra uscendo… se esci, ricordati di rientrare… E allora và! Ci “vediamo” presto, se mai comprerò la web-cam!
    Un abbraccio

    P.S. Grazie per il consiglio: leggerò pensando a te Racconti di un pellegrino giallo! 😀

  4. Cara Valeriona…. , che io sappia, Socrate…. non ha lasciato scritti….. . ATTENZIONE !

    Io, Rafeluzzzzzzuuuuu e Socrate…. , eravamo tre fratelli…. .e di nascosto, gli abbiamo sottratto degli scritti… sono in questo post… .

    AFORISMI DEL NOSTRO FRATELLO SOCRATE

    Sapete come si dice quando un uomo ha due donne? – La bigamia.
    E quando un uomo ha più donne ?- La poligamia. E quando ha una sola donna?- La monotonia.
    ——————————————————————-
    Che differenza c’e’ fra un prete e te che fate all’amore con Pamela Anderson ? Se lo fa il prete e’ un peccato, se lo fai tu e’ un miracolo
    ———————————————————————-
    Un poliziotto ad un maniaco sessuale:
    – Lei ha violentato una ragazza di 20 anni,
    poi sua madre e in seguito suo padre
    ha niente da dire??!?!?
    – Volevo farmi una famiglia.
    ———————————————————————-La moglie di un carabiniere è preoccupata:
    ogni volta che suo marito va in bagno si mette
    il giubbotto anti-proiettile.
    Passa un po’ di tempo quando, decisa, chiede al
    marito:
    – Ma perchè quando vai in bagno metti sempre il
    giubbotto anti-proiettile?
    E il carabiniere:
    – Il comandante mi ha detto:
    Prima o poi uno stronzo ti sparerà.
    ———————————————————————
    Perchè i barboni dormono nei cartoni della pasta?
    Perchè dove c’è Barilla c’è casa!
    ———————————————————————-
    Notizie Ansa: “La Scottex è in gravi condizioni economiche, il suo futuro… sarà il fallimeto… .” Aiutala… Vai a cagare!
    ———————————————————————-
    Perche’ la donazione di sperma e’ più cara di quella di sangue?
    Perche’ e’ fatta a mano…
    ———————————————————————-
    Appunti di lingua italiana:
    TESTICOLO = da Testiculus, piccolo testimone, colui che assiste
    all’atto sessuale senza prenderne parte. .Praticamente…un
    coglione!
    ———————————————————————-
    Pierino alla mamma: “Tu sei bianca papà è nero e io invece sono
    giallo”.
    E la mamma risponde: “Con l’orgia che c’era quella sera ringrazia che
    non abbai”.
    ———————————————————————
    “MAMMA…COSA FAI NUDA SOPRA IL BABBO?!”
    “SALTO PER SGONFIARLI LA PANCIA!”
    “FATICA SPRECATA…OGNI MATTINA LA ZIA SI INGINOCCHIA E GLIELA
    RIGONFIA!!!”
    ———————————————————————-
    Tra amici.
    “Devo confessarti che ieri ho fatto l’amore con tua moglie per 5 ore di fila
    “Io invece ho fatto 5 ore di fila per farlo con la tua”
    ———————————————————————-
    Se la Fabbrica Italiana Automobili Torino si chiama FIAT…
    Se l’ Istituto Nazionale di Previdenza Sociale si chiama INPS…
    Se l’Azienda Sanitaria Locale si chiama ASL…
    Se l’Ente Nazionale Energia Elettrica si chiama ENEL…
    Perche la ” Federazione Italiana Consorzi Agrari ” si chiama Federconsorzi?
    ———————————————————————-
    Se fossi un pittore ti dipingerei.
    Se fossi un vasaio ti modellerei.
    Se fossi un poeta ti loderei.
    Ma sono un trombettiere … .
    ——————————————————————

    Cara Valeriona…. , in quell’ epoca, mi ricordo, Socrate parlava con Dio; Rafeeeeeeeeluzzzzzzuuuuuuu era uno scienziato… , Majo il farmacista…. vendeva la pillola…
    io invece facevo il trombettista…..

    Bimbetta… dopo la filosofia…ci vuole la musica…, come terapia antistress… un bacione… papà, papà, papà .

  5. Chi ha mai detto che Socrate abbia lasciato scritti?
    Ciao, bel trombettista che non ha lasciato spartiti ma parlava molto di musica… 😀

  6. weeeeeeeee, Ciao Carissimo Luigggggione,
    certo che nel continuo tempo ne abbiamo combinanti di tutti i colori. Anche allora cera perfino chi raccontava già cose di altri mondi……. E solo dopo abbiamo capito……. Quando e tanto trombettare sia utile perché è come dire suonare l’arpa del proprio cuore, perché alla fine è la cosa unica che c’innalza oltre queste grossolana ferrosa sfera….Mi ricordo che quando ero Achille, dissi una sola parola al mio amato fratello che il destino mi condusse a ferire mortalmente… CIAO CARO FRATELLO ALLA PROSSIMA…. Lo stesso discorso mi fece Romolo quando ero suo fratello, ma non fu la sua mano a decretare la fine della mia parte esistenziale perché m’involai o meglio trasmutai la mia esserica struttura per quella mia innata aliena MUTANTE natura.. Carissimo Luigi, se vuoi angor meglio approfondire la mistica esserica natura, se non l’hai già fatto, ti consiglio di leggere anche L’anticristo” di Vladimir … Sergeevic Soloviev un piccolo accenno lo trovi in : http://www.google.it/url?sa=t&source=web&cd=4&ved=0CDkQFjAD&url=http%3A%2F%2Fwww.centroaletti.com%2Fita%2Fformazione%2Ftesto_2.pdf&rct=j&q=VLADIMIR%20SOLOVIEV&ei=GzqWTaXSGsrXsgbahJyuCA&usg=AFQjCNGLkNAEnVSI-kPBxXVC_wyedKat_w&cad=rja

  7. ora è cambiato, io suono in giro, divertendomi… luigggione… fa sapientemente maschere di ceramica alla veneziana che amo,…Raffaele sempre tiene i Rapporti con il divenire nel senza Tempo! ogni tanto bisogna pur riposarsi da questo continuo rinascere… cavolo una buona Birra sotto un albero di “Cerasi” o ciliege! ciao Luigggione Raffaele, un caro saluto anche a te!!

  8. Caro Rafeluzzzzzuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu, saracino del mio cuore. Questa volta sono d’ accordo con te e sulla spiritualità di Vladimir Soloviev.

    Non ho letto la sua opera, però sapevo chi era e conoscevo il suo pensiero spirituale., perchè la chiesa cattolica, in parte, ha sempre visto con affetto e rispetto la grandezza di questo libero pensatore.

    Prima del ” dragone rosso “, la Russia e il suo popolo hanno avuto una forte spiritualità cristiana, i più grandi santi e le più grandi chiese, del mondo, nascono in questa terra ” distrutta ” dal comunismo ateo.

    SCUSATE… MI PERMETTO UN PO’ DI STORIA DEL ‘900. L’ ARTICOLO E’ UN FRAMMENTO DI CURIOSITA’ CHE NON ANNOIA…. ( parola di Zinno, grazie figlia… .)

    Roberto De Mattei :

    “Gli storici concordano su questo punto: non c’è stato nella storia secolo più drammatico e cruento del Novecento .

    Il Novecento è stato il secolo dei totalitarismi, delle guerre mondiali, delle Rivoluzioni planetarie, dei genocidi e delle persecuzioni religiose.

    Tra tutte, la persecuzione più estesa e sistematica è stata quella condotta contro il cristianesimo dal comunismo, l’idea criminale per eccellenza del XX secolo.

    Il Libro nero del comunismo curato da Stéphane Courtois , ha sollevato un velo sui crimini del comunismo, offrendoci una prima statistica funebre di 85 milioni di morti distribuiti tra la Rivoluzione d’Ottobre, la dittatura staliniana, la Rivoluzione cinese, la Cambogia di Pol Pot e la Cuba di Fidel Castro.

    Le cifre vanno in realtà più che raddoppiate se si considera che il solo comunismo cinese fece ottanta milioni di morti solo nel periodo del “Grande balzo in avanti” maoista, tra il 1958 e il 1961 .

    Il vero problema però non è la quantità, ma la “qualità” ideologica del crimine. Un’analisi del fenomeno che si limiti a descrivere le conseguenze del male sul piano dei fatti, senza risalire alle sue cause ideologiche profonde rischia di rendere ancora più fitto il mistero che sembra avvolgere il comunismo.

    Per svelare questo mistero bisogna partire soprattutto dal suo odio contro la religione, denunciato da Pio XI nel 1937 con la Enciclica Divini Redemptoris , in cui scrive che “per la prima volta nella storia stiamo assistendo ad una lotta freddamente voluta, e accuratamente preparata dall’uomo contro ‘tutto ciò che è divino’ (II Thessal. II, 4)” (n.22).

    I teorici del comunismo non hanno mai nascosto il loro odio verso la religione. Marx ed Engels la definiscono “oppio del popolo” ; Lenin la chiama “acquavite spirituale” ; Gramsci “puro narcotico per le masse popolari” .

    Il “socialismo scientifico” non va giudicato però nelle sue affermazioni teoriche, ma nelle sue realizzazioni pratiche, perché è nella prassi, come spiega Marx, che i filosofi dimostrano la verità del loro pensiero .

    Sul piano giuridico, la posizione del comunismo nei confronti della religione è quella riassunta dall’art. 124 della Costituzione sovietica del 1936 secondo cui “la libertà di praticare culti religiosi e la libertà di propaganda antireligiosa sono riconosciute a tutti i cittadini” .

    Religione e antireligione non sono sullo stesso piano. La libertà religiosa è ristretta al culto privato, alla coscienza interiore del singolo e di fatto vanificata.

    L’antireligione ha invece il diritto di propaganda e l’appoggio dello Stato. L’ateismo deve espandersi occupando lo spazio pubblico, mentre la religione deve estinguersi, anche perché il sistema comunista nega la dimensione privata dell’individuo in nome del primato del pubblico e del collettivo.

    L’ateismo militante costituì, di fatto, il motore del sistema sovietico. Tutto ciò che apparteneva alla Chiesa, non solo proprietà e beni economici, ma seminari, scuole, orfanotrofi, ospedali, vennero nazionalizzati.

    Fu vietato l’insegnamento della religione e l’uso visibile di simboli religiosi, come icone e croci, perfino sulle tombe. Tutte le funzioni religiose e le manifestazioni pubbliche della religione, quali battesimi, matrimoni, funerali, dovevano essere prive di ogni riferimento religioso.

    Cattedrali, chiese e cappelle destinate al culto furono trasformate in stalle per animali, in magazzini, in fabbriche, in sale cinematografiche. Si organizzarono “carnevali antireligiosi” nel periodo delle grandi feste liturgiche. Furono prodotti film antireligiosi e creati musei dell’ateismo, spesso nelle chiese.

    L’insegnamento e lo studio dell’ateismo venne reso obbligatorio nelle Università e nelle scuole di ogni ordine e grado. Anche la radio dell’Associazione degli Atei militanti trasmetteva su tutte le stazioni sovietiche in 14 lingue e, nel 1970 in URSS erano 4500 le stazioni radio che diffondevano la propaganda .

    La Chiesa ortodossa russa, prima del 1917 contava circa 210.000 membri del clero, tra monaci e preti diocesani, Negli anni del Terrore, dal 1917 al 1941, ne vennero fucilati circa 150.000. Sempre nel 1917 i vescovi russi erano 300 e di essi 250 furono assassinati dai bolscevici.

    Dopo il crollo dell’impero, nel 1917 i cattolici erano forse 2 milioni e mezzo, i vescovi 14, i sacerdoti 1350, le chiese circa 600. Nel 1941 rimanevano aperte solo due chiese, una a Mosca e l’altra a Leningrado (appartenenti all’ambasciata francese) e vivevano nel Paese solo 1 vescovo (straniero) e 20 sacerdoti in libertà. I preti fucilati erano stati quasi 300, gli altri costretti ad emigrare .

    La campagna di ateizzazione proseguì, dopo la morte di Stalin (1953), sotto Kruscev e i suoi successori. Il rapporto Ilicev sull’educazione atea del novembre 1963 ribadì l’inconciliabilità di scienza e religione e la necessità di un sistema di coerente educazione scientifica atea . “Fra poco tempo – disse Kruscev – la religione finirà di esistere, la gente dimenticherà cosa è la religione ed io vi mostrerò l’ultimo sacerdote cattolico” .

    L’assalto alle Chiese dopo il 1945 La conferenza di Yalta sancì la spartizione dell’Europa in due zone di influenza: con il consenso dei governi occidentali, il comunismo sovietico divenne padrone assoluto dell’Europa orientale. Iniziò quindi la persecuzione contro i cristiani che vivevano nei Paesi dell’Europa orientale.

    Vanno ricordate le grandi figure di prelati cattolici che si opposero al comunismo in quegli anni terribili.

    Uno dei primi fu l’arcivescovo uniate di Leopoli in Ucraina, Joseph Slipyi. Quando i sovietici gli offrirono di divenire patriarca ortodosso di Mosca, purché rompesse con Roma, egli preferì continuare la sua vita nei gulag dove trascorse 17 anni e poi in esilio.

    Con lui va ricordato il beato Alessio Zaryckji (1912-1963), di nazionalità ucraina, deportato a Karaganda in Kazakistan, dove morì martire della fede nel 1963. Anche la Jugoslavia ebbe un suo simbolo eroico in Monsignor Alòjzije Stepìnac (1898-1960), arcivescovo di Zagabria, arrestato il 18 settembre 1946.

    Era accusato di condiscendenza verso il nazismo, ma il reale movente era la lettera pastorale del 23 settembre 1945, con cui l’episcopato da lui guidato rivelava che 243 membri del clero erano stati uccisi, 169 imprigionati e 89 scomparsi. Sottoposto a processo, fu condannato a sedici anni di lavori forzati, trasferito al carcere di Lepoglava e successivamente al domicilio coatto nel suo villaggio natale di Krašiæ, dove rimase strettamente sorvegliato dalla polizia fino alla morte per avvelenamento nel 1960. Fu beatificato nel 1998 da Giovanni Paolo II.

    In Ungheria, l’arresto del cardinale Jozsef Mindszenty (1892-1975), il 26 dicembre 1948, manifestò le intenzioni del regime. I comunisti lanciarono contro di lui una campagna di diffamazione analoga a quella lanciata contro Stepinac.

    A causa della sua eroica opposizione fu torturato per quaranta giorni consecutivi e costretto a firmare documenti di cui non conosceva il contenuto. Tutti gli ordini religiosi furono dichiarati fuorilegge (1950) e circa diecimila religiosi furono costretti a trovare altri modi di vivere.

    Nel 2009 è stato beatificato mons. Zoltan Meszlenyi (1892-1951), vescovo ausiliario di Esztergom, successore del cardinale Mindszenty, morto in campo di concentramento nel 1951. E’ il primo beato della dittatura comunista ungherese. Due altri nomi celebri sono quelli del cardinale Stéfen Wyszinski (1907-1981) arcivescovo di Varsavia e Primate di Polonia e del cardinale Josef Beran (1888-1969), arcivescovo di Praga, in Cecoslovacchia.

    Quando il cardinale Beran, arcivescovo di Praga, morì, nel 1969, fu segretamente fatto cardinale Stephan Trochta (1905-1974), che morì, a sua volta, nel 1974 dopo un brutale interrogatorio. Con lui va ricordato il Beato Vasil Hopko (1904-1970), greco-cattolico, arrestato e torturato, e il vescovo clandestino, Jan Korec, nato nel 1923, oggi cardinale, animatore della resistenza cattolica in Slovacchia. In Lituania, la “terra delle croci”, dal 1972, la rivista clandestina “Cronaca della Chiesa cattolica in Lituania” ha documentato gli atti di arbitrio e di violenza commessi contro il popolo lituano .

    Ancora negli anni Ottanta, in Lituania, i sacerdoti venivano minacciati, picchiati, uccisi, come padre Bronius Laurinavicius (1913-1981) e padre Juozas Zdebskis (1929-1986). In Albania, preti e laici furono uccisi a migliaia dai comunisti di Enver Hoxha, passato negli anni Sessanta, dal comunismo filo-sovietico a quello cinese. I gerarchi del Partito comunista si compiacevano ad affermare che l’Albania fosse divenuta “il primo Stato ateo del mondo”, come si legge nella costituzione approvata nel 1976.

    Tra le figure di spicco della resistenza va ricordato padre Mikel Koliqui (1902-1997), creato cardinale da Giovanni Paolo II nel 1994. Era stato condannato ai lavori forzati nel 1945, con l’accusa di ascoltare le radio straniere.

    In Bulgaria, paese a larga maggioranza greco-ortodosso, la Chiesa ortodossa bulgara divenne nel 1950, un organismo pubblico, al servizio dello Stato. Padre Eugenio Bossilkov (1900-1952), oggi Beato, fu arrestato, torturato, condannato a morte e gettato in una fossa comune nel 1952.

    In Romania, le chiese, le scuole, gli ospedali cattolici vennero chiusi o trasferiti agli ortodossi. Mons. Iuliu Hossu (1885-1970), nominato cardinale in pectore da Paolo VI, rifiutò di rinnegare la propria fede e morì in prigione, come il servo di Dio Anton Durcovici (1888-1951), vescovo di Iasi. In Moldavia, i vescovi Aron Marton (1896-1980) di Alba Iulia e il padre Alexandru Todea (1912-2002), poi cardinale passarono la loro vita in prigione e agli arresti.

    Sono in corso i processi di beatificazione di mons. Vladimir Ghika (1873-1954), morto in un carcere comunista, in seguito alle torture della Securitate e quello del francescano padre Clemente Gatti (1880-1952), anch’egli morto in seguito ai maltrattamenti ricevuti in carcere. In Romania vi fu qualcosa peggio di Auschwitz. Nessun lager o gulag eguagliò il carcere di Pitesti, a nord di Bucarest, tra il 1949 e il 1952 , vero e proprio teatro degli orrori, dove il carceriere Eugen Turcanu aveva inventato i supplizi più efferati, per rieducare i prigionieri attraverso la tortura fisica e psichica, praticata a vicenda tra i detenuti politici.

    Ai seminaristi veniva infilata ogni giorno la testa in un secchio pieno di urina e di escrementi, mentre le guardie inscenavano una parodia del rito battesimale: Turcanu li obbligava i seminaristi a partecipare a messe nere, che lui stesso organizzava, specialmente durante la settimana santa e il venerdì santo .

    L’ombra dell’imperialismo comunista, fin dagli anni Trenta, si diffuse nel mondo. Come dimenticare l’olocausto rosso in Spagna, dove il numero dei preti e dei religiosi martirizzati è stato almeno di 6832, fra i quali trenta vescovi .

    La maggioranza dei martiri del XX secolo finora beatificati dalla Chiesa risale soprattutto ai primi sei mesi della guerra civile spagnola, dal luglio 1936 al gennaio 1937.

    Anche l’Italia conobbe una “guerra civile” tra il 1943 e il 1945. È stata documentata la morte di 129 sacerdoti ammazzati dai partigiani comunisti tra l’8 settembre 1944 e il 18 aprile 1945 .

    Tra questi, è stato beatificato don Francesco Bonifacio (1912-1946), ucciso dalle milizie di Tito nel 1946. C’è anche un seminarista di 14 anni, Rolando Rivi (1931-1945) per cui è avviata la causa di beatificazione. Il 18 gennaio 1952 Papa Pio XII nella Lettera apostolica Cupimus imprimis non esitò a paragonare la situazione dei cattolici e dell’intero popolo della Cina comunista a quella dei cristiani delle prime persecuzioni dell’epoca romana.

    L’imponente libro Mao, the unknown story di John Halliday e Jung Chang , descrive dettagliatamente le pene patite dai seguaci di tutte le religioni in Cina nel secondo dopoguerra del Novecento.

    Nel 2000 è morto il cardinale Ignatius Kung Pin-Mei, l’arcivescovo di Shangai che ha passato 30 anni nei lager, 2 agli arresti domiciliari e 13 in esilio. Accanto al suo nome va ricordato quello del servo di Dio François-Xavier Nguyen Van Thuan, vescovo di Saigon (1928-2002) in Vietnam, imprigionato per 13 anni, dal 1975 al 1988, poi creato cardinale nel 2001.

    La persecuzione incruenta in Occidente Il comunismo è morto? I rapporti dell’Aiuto alla Chiesa che soffre documentano che la persecuzione continua da Cuba alla Corea del Nord, oltre che in Cina, dove i Laogai, inaugurati da Mao nel 1950, sono oggi ancora operanti, per annientare gli oppositori politici e fornire al regime un’enorme forza lavoro a costo zero.

    Non possiamo dimenticare però che accanto alla persecuzione cruenta, esiste quella incruenta, non meno feroce, che si serve del linciaggio mediatico e dell’isolamento morale.

    Esso fa parte della guerra culturale e psicologica del comunismo, che in Occidente ha trovato in Antonio Gramsci il suo maggiore teorico.

    L’anticristianesimo di Gramsci è sofisticato ma implacabile. Compito del comunismo, per Gramsci, è portare al popolo quel secolarismo integrale, che l’illuminismo aveva riservato a ristrette élite.

    Sul piano sociale, questo secolarismo ateo viene attuato mediante una eliminazione di fatto del problema di Dio, realizzata, secondo le parole del comunista sardo, da una “completa laicizzazione di tutta la vita e di tutti i rapporti di costume” , cioè attraverso un’assoluta secolarizzazione della vita sociale, che permetterà alla “prassi” comunista di estirpare in profondità le stesse radici sociali della religione.

    Lo Stato “laico”, a differenza degli Stati atei del passato, non ha bisogno di professarsi esplicitamente ateo. Dio, ormai espulso totalmente da qualsiasi ambito sociale, non dev’essere nominato neppure per negarlo.

    Il Cristianesimo deve essere rimosso dalla memoria storica e dallo spazio pubblico, per evitare qualsiasi forma di autocomprensione cristiana della società.

    C’è quindi una stretta coerenza tra la richiesta, recentemente fatta all’Italia, di rimuovere il Crocifisso dai luoghi pubblici e l’espunzione di ogni richiamo al Cristianesimo dal Preambolo del Trattato di Lisbona.

    La nuova Europa, in cui non c’è posto né per Dio né per il Cristianesimo, realizza il piano gramsciano di secolarizzazione integrale della società. Il cuore ideologico del comunismo è il materialismo dialettico: la concezione del mondo secondo cui tutto è materia in trasformazione e la dialettica è la legge del perenne divenire

    . I regimi comunisti sono caduti, ma il relativismo professato e vissuto dall’Occidente si fonda sui medesimi presupposti del materialismo e del relativismo, ovvero sulla negazione di ogni realtà spirituale e di ogni elemento stabile e permanente nell’uomo e nella società.

    Dobbiamo prendere atto del fatto che la profezia di Fatima, secondo cui la Russia avrebbe diffuso i suoi errori nel mondo, si è avverata. La decomposizione del comunismo ha putrefatto l’Occidente.

    Il comunismo non è riuscito però a distruggere il Cristianesimo e in esso, e solo in esso, l’Europa può ancora trovare le ragioni della sua vita e della sua speranza. ”

    Roberto De Mattei, Convegno “The Fall of Communism Conference: 1989-2009 – Lessons learned” Zagabria – 4 dicembre 2009.

    Rafeluzzuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu caro, l’ ateismo porta l’ uomo alla follia e alla morte. Anche se in Italia, non ha governato, ha portato un’ alterazione di pensiero immane e senza via d’ uscita : ha complessato l’ uomo, lo ha reso debole, gli ha dato un pensiero morto, al posto di quello vivente e poi sempre a dire nò ed a criticare tutto.

    ” Una persona normalmente informata su quel che è successo nel mondo, non può che essere, e nel modo più naturale, visceralmente anticomunista.

    Il problema vero sono coloro che reagiscono istericamente, scompostamente al naturale anticomunismo” (Arnold Beichman).

    Comprero ” l’ anticristo “, buonanotte, ciao Giuseppone…. e grazie.

  9. Carissimo Gabriele, buongiorno..

    Oggi o domani per mettere la” cornice”, all’ articolo, del prof. De Mattei, vorrei inviare sul tuo LUMINOSO BLOG un messaggio importantissimo della Madonna, sul comunismo e la sua filosofia.

    Prof., ti chiedo scusa se, ieri sera, lo scritto del prof. De Mattei è stato lungo… però “quannu ci vò, ci vò”.

    Il comunismo non è mai morto… si è dimensionato nella sua assurda ferocia… , tuttavia, basta osservare l’ opposizione… è sempre stata dal 1917.. un’ opposizione di odio e contro l’ Italia.

    Gli italiani sono stati torturati e massacrati nel pensiero.. hanno perso le ali… il coraggio e la forza interiore.

    La loro filosofia è contestare, dire sempre nò… e vedere il male nell’ altro.

    Caro Gabriele, non ti posso insegnare nulla, però l’ italiano è stato cresciuto ed educato nella scuola dell’ odio.

    L’ odio non porta al tuo pensero e al tuo ” cavallo ” di anima, ma apre il varco alla distruzione e alla morte.

    Un abbraccio .

  10. Caro Zinno, sei sorprendente 🙂 Mi ricopio l’articolo!
    Un Abbraccio

  11. Ciao Carissimo Giuseppe
    hai perfettamente ragione, ed è per questo che anch’io ogni tanto mi perdo nella mia cara Etna, o dedico del giusto tempo alle mie campagne, o come oggi, a tosare il mio fiorito giardino. Come ho sempre detto alla fine, vale assai tanto una sana rigeneratrice scherzosa risata, un buon vino (birra od alcolici per altri), una bella musica od una armoniosa libera danza insieme a tanti altri sbullonatissimi cari amici e care amiche. E’ vero perché in effetti è la cosa più preziosa e genuina che l’essere possa percepire in questo bellissimo e allo stesso tempo balordo mondo fatto di grandiosi esseri, come il tuo bel cuore, ma anche di tantissimi testa di rapanella che complica l’esistenza di tanti giusti umili esseri. Ti ricordi cosa dissi un giorno su questo prezioso blog? Molti immortali erranti guerrieri di altri mondi, sono ritornati in questa terra, e soprattutto in questo particolare tempo, per aiutare i giusti (spesso inconsapevoli) e per evitare che siano (come spesso è successo) sopraffatti da esseri privi di un vero cuore……

  12. b>Ciao Carissimo Luigggione,

    Vladimir era stato mio figlio Orazio come io ero stato anche Resputin…. Devi solo capire che io come tanti non siamo di questo mondo e di tutte quelle illusioni/distorsioni che ne fanno un potere si politico che religioso.. Siamo degli immortali guerrieri ed ogni vero guerriero è passato per almeno MILLE MONDI e per tantissime innumerevoli vite. La religione ‘ l’oppio dei popoli come la polita è l’illusione di tanti….. Come ogni popolo ha il suo dio, il suo lider o i suoi lecchini mammalucchi, così in ogni mondo c’è un dio maggiore.. ma solo gli immortali erranti sanno meglio chi è DIO ed i sui divini grandiosi emissari sparsi in ogni parte dell’universo manifesto. Vedi che non è un discorso ateo , ma più conoscitivo di quello che si potrebbe immaginare, tiene conto che ogni guerriero deve affrontare le sue necessarie prove iniziatiche che prima o poi li rapporta con i sacri mondi spirituali dove le verità non possono essere negate a chi li ha ricercate e soprattutto a chi ne è degno e anche forte di assimilarle… Che senso avrebbe dire che un guerriero si batte anche per un filo d’erba? pensi proprio che sia illusione o pazzia così come è vista da certi uomini assai stupidi ed ignoranti che non conoscono proprio niente delle leggi che regolano questa vita come regola altre cose del creato?

    Devi solo capire che da questo nostro piccolissimo punto di vista, in CONSAPEVOLEZZA SIAMO SU UN TRIANGOLO ROVEGLIATO CON LA PUNTA SU QUESTO PIANO E LA BASE NEI MONDI SIUPERIORI E SPITITUALI…. TUTTO QUELLO CHE DA QUI POSSIAMO ABRACCIARE CON GIUSTO SENTIMENTO E SOPRATTUTTO CON UN VERO LIBERO RICERCATORE CUORE IN EFFETTI E SOLO UN GRANELLO DI SABBIA NEL CONFRONTO……. tutto e’ assai relativo in questo misero piano che pensiamo sia l’unico ed il solo. Poveri stupidi mortali che cercano di lavare il cervello a tante care persone parlando di amore, carità ed umiltà quando ancora, loro stessi non conosco i veri principi regolatori che ne garantiscono la giusta visione e soprattutto la VERA LIBERTA’ DELL’ESSERE….

    Se ti rivelo queste cose, credimi non è minimamente per elevarmi sugli altri, quanto invece per per evidenziare quante parti l’essere ha fatto e farà fino a quando non prende consapevolezza della sua vera esserica divina natura…….. Questo evidenzia anche un altro aspetto che spesso ci conduce a giudicare gli altri, che non solo non sappiano e non ricordiamo niente del nostro vissuto, del nostro passato e del sentiero che ci siamo imposti di perseguire in questa vita, ma come dicevo spesso, ci facciamo giudici degli altri con un punto di vista che agisce solo in superficie. Spesso questo giudizio verso gli altri è sempre DISTORTO soprattutto per mancanza di conoscenza.

  13. chi possiede un granello di sabbia, e ne ha consapevolezza che trattasi solo di un Granello, allora è in lui tutto… non la possiede poiché nulla di tutto ciò può essere possesso, ma, nella apparente contraddizione… ne È L’UNO!!! NOTTE MIO SIMPATICISSIMO PREGEVOLISSIMO AMICO, POSSA L’AMORE ABITARE SEMPRE IN TE, COSI COME DICO AL CARO LUIGGIONE, COSA CHE HO SEMPRE SOSTENUTO, D’ESSERE UNA PERSONA COLTA, DI QUELLA CONOSCENZA CHE VA OLTRE L’ABITUALE MEMORIA MECCANICA, MEMORIA LA SUA D’ANIMA!!! NOTTE A TUTTI, POSSA QUESTA CASA, RIMANERE NELLA SEMPLICITÀ UN PUNTO DI DOLCE INCONTRO, AL DI SOPRA D’OGNI STUPIDA ANTIPATIA O SIMPATIA, POSSA REGNRE L’AMORE PER LA CONOSCENZA, CHE ALTRO POI NON È CHE L’AMORE PER NOI STESSI, QUEL NOI FATTO DA TUTTO!!! NOTTE CARISSIMO PROFESSORE, GRAZIE PER QUESTO GIARDINO,…

  14. Caro Innominato, se per comunismo intendi l’eredità del soviet stalinista sono d’accordo. Baci

  15. Grazie Valeriona ! Dimostri, sempre, di essere una donna vera, intelligente e sensibile ai problemi umani e della terra.

    Gli inganni del comunismo non sono racconti e fantasie, MA, PURTROPPO STORIA DI VIOLENZA E DI CRIMINI ! Valeriuccia, mi dispiace che un uomo colto, come Rafeluzzzzuuuuuu non abbia detto nulla, sull’ articolo del prof. De Mattei.

    Avesse detto una parola a favore di questa terra dove sono nati santi, asceti, filosofi e grandi scrittori . Niente ! Gli errori del cristianesimo, invece, sempre sono a porta di mano…. .

    FRA FASCISMO E COMUNISMO, NON SAPREI CHI SCEGLIERE. UNA COSA E’ CERTA, IL FASCISMO HA PRODOTTO MENO MORTI E NON AVEVA LA PRETESA DI CONQUISTARE IL MONDO.

    Il partito fascista, giustamente, è stato bocciato ed è diventato fuorilegge: LA MORTE DEL COMUNISMO INVECE GOVERNA ANCORA IN MOLTI PAESI DEL MONDO E TANTI UOMINI POLITICI ITALIANI SI VANTANO DI ESSERE MARXISTA- LENINISTA-STALINISTA…. .

    PER FORTUNA CHE HO SEMPRE VOTATO DEMOCRAZIA CRISTIANA ahahahaha..

    COSI’ , I PARTIGIANI HANNO COMBATTUTO IL FASCISMO E MI TROVANO D’ ACCORDO… PERO’ COSA AVREBBERO VOLUTO FARE DELLA NOSTRA BELLA ITALIA…. UNA CASERMA SOVIETICA ?

    VIVA DE GASPERI, VIVA DE GASPERI, VIVA DE GASPERI.

    EPPURE I COMPAGNI LO DEMONIZZAVANO, COME HANNO FATTO CON TUTTI I LEADER DELLA D.C., MA CELEBREVANO IL PIU’ GRANDE DELINQUENTE, ASSASSINO E CRIMINALE DELLA STORIA, STALIN.

    SONO SEI GLI ARCHETIPI DEL COMUNISMO : L’ ATEISMO, L’ INGANNO, BOCCIARE IL PROGRESSO, L’ ODIO PER L’ AVVERSARIO POLITICO, ANZI ERA DEFINITO UN NEMICO, LA DITTATURA E IL CRIMINE.

    Valeriuccia, un fortissimo abbraccio.

    viva ‘a democrazia cristiana – viva ‘a democrazia cristiana- viva ‘a democrazia cristiana – viva ‘ a democrazia cristiana…. .

  16. Zinno, votantonio, votantonio, votantonio… 🙂 (Ora non mi va di essere tirata in mezzo ad una discussione sui morti del fascismo e sui morti del comunismo. Ognuno purtroppo si conta i propri morti, alla fine. Segnatela e discutiamo in un’altra… vita…, va bene? 😀 )

  17. alla fine non è vero, il nostro comunismo non è stato mai intenzionato di stare sotto i soviet, basti pensare quando spararono a togliatti, il suo popolo era pronto alla guerra lui li fermo, cosi come s’impedì, la guerra civile, che poi sarebbe diventata una nuova guerra tra Russia e America! Io non sono Comunista nel senso stalinista, non amo nessuna dittatura, ho ribrezzo di Stalin come di Hitler, ma il nostro Comunismo non è mai stato stalinista, vuoi per un influenza se pur nascosta “Cattolica”!! Sono di sinistra moderata, quella sinistra per la gente! anche se poi la penso come Socrate, un politico dopo due anni si sporca, con l’amore del potere+denari!!! ciao ciao a tutti!!

  18. il comunismo Italiano è stato sempre quello alla Peppone e Don Camillo, quindi all’acqua di rose!!! qualsiasi dittatura, non si differenzia, è dittatura e stop! I Comunisti, i fascisti, non dimentichiamo l’orrore stalinista, ma neanche oltre a quello di Hitler, il fascismo in Argentina, o nei vari paesi del sud america!! questo per dire inutile contare quale dittatura è peggiore, sono medesima merd.!

  19. Rafeluzzzzuuuuuuuuuuu……. a volte il matrimonio è una gabbia… rimanere vergini…. donne così affascinanti… è veramente un peccato…. verso Dio.

    Rafeluzzzzzzuuuuuuuu, tu che sei siculu…. e focoso che ” dicisti” ?

  20. avevamo e abbiamo un tale alto grado di corruzione in Italia che se fosse venuto il baffone qui ci avrebbe fatto un baffo a noi e che le persone che si sono ispirati agli ideali di giustizia e fratellanza non fossero poi giusti e fraterni questa è una storia vecchia come il cucco..e si ripete per ogni ideologia..quando si tratta del potere gli uomini perdono la testa e poi inevitabilmente la perdono sul serio eppoi sotto sotto c’è di nascosto di più di quanto sia visibile e c’è chi rimane sempre inossidabile ad ogni tempesta
    certo è che la moralità sta a zero mentre i vecchi politici avevano comunque per quanto fossero noiose quelle tribune elettorali un senso di pudore che oggi non c’è più, dagli anni ottanta in poi si è liberato il peggio in quanto a “convenientismo” il vero verbo che conta oggi, da ogni parte si guardi, eppure un’opinione politica è importante, per non diventare pecore per non perdere la memoria forse conviene ripassarsi un pò di storia da più fonti..perchè neanche il prete che ti telefonava per consigliarti cosa votare mi pare poi tanto “normale” la vecchia storia dell’invasione quando già siamo invasi e il nostro territorio è la barzelletta degli altri stati che ci trattano come poligono di tiri beh’…un’opinione ci vuole ma che sia obiettiva…

  21. ma all’anima che resta da fare se non cercarsi un corpo un pò meno cretino di questi..immagina la noia di svegliarti e non sapere cosa dire di cosa parlare corpi da tutte le parti mi pare quasi un serpentaio ali zero solo strusciamenti

  22. Per rientrare nel tema, uscendo dal tema…

    “Quando il tuo amore non produce amore reciproco e attraverso la sua manifestazione di vita, di uomo che ama, non fa di te un uomo amato, il tuo amore è impotente, è una sventura.” (Karl Marx)

    “Ogni cuoco deve imparare a governare lo stato.” (Vladimir Lenin)

    “L’antisemitismo è la più pericolosa sopravvivenza del cannibalismo.” (Josif Stalin)

    “Se devi levare un dente, è una gentilezza sbagliata toglierlo lentamente.” (Mao Zedong)

    “Eliminazione ho detto! Eliminazione fisica” (Peppone riferendosi ai polli di Don Camillo)

  23. citando la Litizzetto siamo in pieno IMPORT-ESCORT…

  24. Ciao Carissimo Luiggggggione,
    non ho risposto alla tua precedente erudita saggia esposizione, perché come ho sempre sostenuto, la vita di ogni immortale errante libero guerriero amorevole cuore passa per tantissime iniziazioni, per LA VIA PRATICA e non solo per quello che (nulla togliendo al prof. De Mattei) gli altri ricercatori/pensatori raccontano del tuo stesso passato in cui sei stato artefice attore consapevole. Chi meglio di noi sa quali veri avvenimenti storici ci hanno coinvolto in un ruolo, in una parte (a volte anche scomoda, ma assai necessaria), quando cominciamo ad aprire quelle porte della memoria?

    Come ti ho accennato sopra, con molta superficialità ed anche con sincero consapevole lucido cuore, mio figlio Orazio era stato Vladimir ed io Resputin…. Non ti dicono niente questi strani nomi mistici, che volevano innalzare la Santa Madre Russia a quei veri principi di vera libertà e di fratellanza o di religione cosmica? Ma come al solito la storia è fatta anche e soprattutto di cattivi uomini privi di un vero cuore, e come ben sai, dopo tantissimi tentativi, alla fine ci sono riusciti a frenare il mio corpo ed il mio robusto cuore fisico, ma non il mio spirito immortale… La regina, sapeva ogni cosa del mio passato, come io sapevo che anche lei si era deframmentata in tanti altre grandiose personalità…. I sui figli sono stati i mie figli di un passato , come i mie immensi amori di tanti vissuti, sono ancora, in questa vita….. Se indaghi scoprirai che oltre ad un mistico Resputin era anche un profondo super dotato conoscitore dell’arte del serpente piumato o meglio del tantrismo (anche quella è una via che innalza l’essere alla sua stessa essenza, da quella scala siamo ridiscesi, per quella stessa scala possiamo risalire, così come anche Emes/Thoth/Shiva… con tantissime ermetiche simboliche/metafore ci tramanda …….. In questa mia esistenza sono un comune cittadino di stampo siculo e ti dico che non mi posso lamentare, ma il mio immortale cuore, ormai sa riconoscere quante parti ha interpretato per quel prossimo in cui fermamente credo con tutto il mio essere…..

    Se solo tu avessi memoria riscopriresti anche il tuo tortuoso passato, come inquisitore e dopo anche come santo….. Carissimo Luiggggggi, quante volte mi hai mandato al rogo ingiustamente, e sempre siamo ritornati con ruoli differenti, ma sempre ci siamo rapportati, perché la legge dell’amore prevede alla fine che quell’aspetto unitario trovi spazio nei cuori di esseri che prima erano nemici, e dopo nel tempo diventano immensi amici…. Questa è la vera santa universale legge dell’amore che passa per ogni causa/effetto per ogni semina e per ogni raccolta. questo è quello che ci ha negato/nascosto questa nostra apparente Cristianità.. ti sembra poco o trascurabile questa semplice verita ? Ti ricordi che io giorni ti dissi che il mio amato compare Nino, in questa mia vita è l’amico più grandioso mentre in una vita passata era il mio peggior nemico…. O quanto ti ho raccontato che come solitario ufficiale tedesco volevo porre fine a tanta strage…. Ma anche li le cose non sono andate come mi ero programmato, il risultato è stato sempre lo stesso, ammazzato barbaramente, come barbaramente dopo hanno ammazzato milioni di persone….. Di sicuro conosci già la triarticolazione di Steiner, ma al solito quel potere inquisitori fece in modo di frenare il suo grandioso essere. Come frenò anche Tesla e tantissimi saggi istruttori di questo mondo….. Cambiano gli ideali, cambiano le forme sociali, cambiano gli scopi. Cambiano le apparenze, chiamali come vuoi, democrazia, fascismo, imperialismo, comunismo, socialismo ma alla fine, come la storia ci racconta tutte sono figlie di quel malevolo potere temporale. I LUPI VESTITI DI AGNELLO.

    Non credo proprio che quello che affermi sulla democrazia sia nel profondo del tuo cuore, perché per questa stessa apparente democrazia si sono sacrificati tantissimi valori umani, tantissima moralità, e tantissime vite umane in ogni parte del mondo. Come vedi, ormai e da tanto tempo, che non parteggio per nessuna politica, per nessuna religione e per nessuna affermazione che non venga filtrata dalle vibrazioni che dai mondi soprasensibili passano per le porte del mio immortale ribelle libero cuore.

    Quante considerazioni si potrebbero dedurre da queste sole strane parole, ma devi credimi è veramente necessario non ricordare perché spesso questo potrebbe alterare il proprio piano di vita. Se io ho avuto questa fortuna/sfortuna è solo perché era già prevista nel mio piano di vita e solo attraverso l’indefinibile indescrivibile dolore potevano essere aperte certe porte del mio immortale cuore Ma questo, come dirò sempre, non mi esalta, non mi innalza, ma mi pone nello stato dell’essere e non del solo apparire…. C’è veramente un dio da riscoprire, dentro ogni cuore, umano, e prima o poi si arriva a questa grandiosa verità, ma deve passare sempre per il cuore e non per la sola mente che facilmente si fa influenzare dal mondo esteriore delle apparenze e da tintissime induttanze…..

    LA VIA E’ SANTA VIA PRATICA DEL VIVERE LA VITA E DELLE PROVE DA SUPERARE PER INNALZARE IL SACRO DIVINO RADIOSO CUORE AL PROPRIO DIO INTERIORE CHE ASPETTA CON GRANDE AMORE QUESTO RISVEGLIO INTERIORE….. “io sono uno con il mio padre celeste” questa è la meta finale di ogni saggio pellegrino….. Ma anch’io non appartengo a questa categoria di superiori esseri, perché nella mia vera esserica natura sono stato e sarò sempre un errante girovago libero guerriero, questa è la mia scelta da ormai milioni di anni….. Insomma, in poche comuni puerile parole sarò sempre un rompipalle per tanti testa di rapanella….

    Mi scuso con il nostro Carissimo Prof. Gabriele, che di sicuro ride sotto i baffi, e sarebbe assai saggio se alla fine ridessimo tutti, insieme a tanti cari amici e tante care amiche 😀 😀 😀

  25. CANZONE PER TE

    La festa appena cominciata
    è già finita.

    Il cielo non è più con noi.
    Il nostro amore era i’invidia di chi è solo,
    era il mio orgoglio, la tua allegria.

    É stato tanto grande ormai –
    non sa morire.
    Per questo canto e canto te.

    La solitudine che tu mi hai regalato,
    io la coltivo come un fiore.

    Chissà se passerà?
    Se un’altro amore
    la mia mano prenderá?

    Se a un’altra io dirò
    le cose che dicevo a te.

    Ma oggi devo dire che
    ti voglio bene.
    Per questo canto e canto te.

    É stato tanto grande ormai –
    non sa morire.
    Per questo canto e canto te.

    Bardotti / Endrigo / Bacalov

    La musica classica è figlia del firmamento… ; la musica leggera è figlia della poesia… Inno.

  26. Ciao Luigi….come va??
    Un bacione

  27. Cara Map….un bacioneeee!!!

  28. Bea, ben tornata… ti dò anch’ io un bacione e un video.

  29. Carissimo Luigi….
    adoro Proietti….mi hai fatto un bel regalo!!!!
    Ti mando un bacioneee

  30. Caro Innominato, ti ringrazio molto, molto, molto, molto per i tuoi squisiti doni. Un abbraccio.

  31. sento profumo di frittelle accidenti (con molta invidia)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...