Riconciliazione

Non puoi stringere la mano a qualcuno con il pugno chiuso.

Indira Gandhi

17 Risposte

  1. Concordo!
    Sapete amici a tal proposito vorrei raccontarvi una cosa. Qualche tempo ho discusso con una persona. Ora che io in questa discussione potessi anche avere ragione non ha importanza, perchè “soggettivamente” la persona in questione riteneva di essere lei nella ragione. Alla fine, quasi volendomi fare una gentile concessione, mi ha detto
    “Io perdono ma non dimentico”.

    Secondo voi c’è dell’incongruenza in questo asssunto?
    Insomma, per come la vedo, perdonare significa comprendere, accettare, chiarire e…poi cmq dimenticare.
    Non mi sembra possibile perdonare senza dimenticare.
    Insomma il perdono non porta forse con sè il riscatto e la libertà per chi in questo caso viene perdonato?

  2. invece vorrei fare una domanda
    che ne pensate quando un dice:
    “perdono la persona ma non quello che ha fatto?”
    sarò imbecille forte ma non riesco a capire come si possa disgiungere una persona dalle sue azioni.
    in prigione ci finiscono le persone mica i reati…e le persone che li hanno commessi sono a giocare a briscola nei bar..i genitori di un “mostro” lo devono denunciare mica se lo possono tenere a casa…
    boh è una cosa che non capisco sarò tarata , ma non mi riesce di capirlo.
    Una volta una mia amica aveva un dubbio su una cosa che le era sparita a cui era affezionata.. ma siccome sta presupposta ladra era “parente di.”.non disse niente alla diretta interessata poi per fare bella figura con “la persona importante” si abbracciò calorosamente a questa presupposta ladra ed invece di strafogarla… le augurò buon viaggio…
    Al mio chiedere se poi aveva chiarito mi rispose quello che ho detto sopra.
    Al che io pensai, anvedi che falsa.
    Siccome ho sentito poi anche il Papa dire una cosa simile mi chiedo, se è particolarmente una cosa cattolica legata alla confessione e rimessa in moto dei peccati 😀 😀 😀
    o che.Senza alcuna polemica, è proprio che la capisco pure a livello di umanità ma rimanere nel dubbio se uno una mi abbia rubato mi pare pure offensivo nei riguardi della persona sospettata.
    E’ ritenere gli altri bambini e quindi sentirsi superiori a loro l’umanità invece di prendersi la responsabilità delle proprie azioni viene portata a tipo pecora di qua e di là.

  3. comunque vorrei dire ad una certa persona che quando penso alle mie lucertole spettinate mi viene una gran tristezza

  4. Si può riuscire a comprendere.Il perdono è dei santi
    Chi dice ho perdonato o è confuso sul significato
    oppure mente.

  5. Map…penso che le nsotre due domande alla fine, in quanto a senso, si equivalgano!

    Iria,
    io sono, invece, dell’idea che -sebbene il perdono ultimo sia solo di Dio – esista anche un perdono umano…e penso che esistano “perdoni” veri e sinceri, ch essite unq aulkcosa che si possa chiamare perdono che l’uomo può offrire ai suoi simili e, a voilte, anche a se stesso; allo stesso modo un “colpevole” può imparare una lezione di vita dal proprio errore!
    Forse alcune persone per falsità o ipocrisa posso anche mentire quando asseriscono di perdonare, ma in altri casi credi siano sinceri…perlomeno questa è la mia esperienza. Ho avuto esmpi di persone che hanno davvero perdonato col cuore, ma ho avuto anche esempi dell’altra specie!

  6. Nella Morra Cinese, la mano aperta vince sul pugno: perchè mai non sarebbe possibile?

    (Amiche, mi tiro fuori dalla discussione. E’ troppo complicata o forse lo sono io. Non perdono il tradimento, non mi perdono se tradisco. Quando si insinua il dubbio mi spengo!!!)

  7. Sei la mia consolazione più pura,
    sei il mio più fermo rifugio,
    tu sei il meglio che ho
    perchè niente fa male come te.

    No, niente fa male come te.
    Bruci come ghiaccio e fuoco,
    tagli come acciaio la mia anima –
    tu sei il meglio che ho.

    Karin Boye

  8. “Il tradimento avviene proprio in quei rapporti dove è possibile la fiducia primaria.
    Noi possiamo essere veramente traditi solo quando ci fidiamo veramente – da fratelli, amanti, mogli, mariti, e non da nemici o da estranei. Più grandi sono l’amore, la lealtà, l’impegno, il coinvolgimento, e maggiore è il tradimento.
    La fiducia ha in sè il germe del tradimento. (…)
    Può darsi benissimo che il tradimento non abbia altro risultato positivo che il perdono,
    e che l’esperienza del perdono non sia possibile che quando si è stati traditi. Si tratta allora di perdono e non di oblio. Il ricordo del torto trasformato entro un contesto più vasto o, come si è espresso Jung, il sale dell’amarezza trasformato nel sale della saggezza”

    James Hillman da Fuochi blu

  9. Nell’universo ci sono bellezze che sono vere bruttezze, come ci sono bruttezze che sono vere bellezze. Basta intergalarsi in ogni punto di osservazione. .

  10. “Le mani sono come il cuore, solo se le apri puoi ricevere”

    Il perdono esiste là dove l’odio non esiste.

    Notte Professore,
    ho appena visto il suo intervento da Marzullo, ho apprezzato la semplicità e la sua emozione quando ha parlato del fatto d’inginocchiarsi senza problema, che era qualcosa di spontaneo… ho percepito in quelle parole la sua emozione che arrivava direttamente dal cuore… è stato bello… grazie per la lezione d’umiltà. Buona notte professore.
    Anna

  11. C’è chi tradisce per partito preso, ripetutamente , fino a quando non viene scoperto e allora invoca il perdono, cioè la possibilità di un’altra possibilità di recuperare quallo che ha perso a causa del tradimento… (PRRRRRRRRRRRRRRRRRR! …Perdonate la perchiazza!)

    Comunque non è possibile sottrarsi alle sferzate di Amore, che non fa differenza tra figli e figliastri: è suo costume curare con l’acqua, la terra e il fuoco… Ma non ho notizia che mai Amore abbia cucito le labbra delle ferite provocate da arma “di tradimento”, con fili sottili di fiducia… per poi disinfettarle con dosi centesimali di tradimento.
    Si impara a stare al mondo; il dovere nei confronti di altre vite che da te dipendono è un Amore che regge la schiena, ma non si speri nè si pretenda nel “ritorno” (che, colui/colei che ha tradito, non prevedeva nemmeno!)

  12. Ma allora, cara Valeria, mi viene una domanda:
    chi non perdona o per un qualsiasi motivo non riesce a perdonare oppure non crede proprio nel perdono, da un punto di vista psichico allora potrebbe non superare mai quel “trauma”, quel nodo complessuale causatigli/le da quel tradimento specifico?

    Ciò detto pesno che sì, hai ragione, nessuno può sottrarsi alle sferzate di Eros…ma credo anche che l’essere umano – finito e limitato – porti con se il germi del tradimento e….conseguentemente chiunque possa sbagliare, ferire o tradire…e quindi si possa perdora. Certo fa soffrire, fa paura perdere la fiducia in qualcuno e fa ancora più paura offrire a questo qualcuno una seconda possibilità, magari quella del riscatto: ma credo che ciò sia possibile. Io credo nel perdono e credo sia doveroso offrire sempre una seconda chance!
    Pesno che se non c’è una qualche forma di perdono – sia nella coppia sia tra amici che tra parenti – allora non potrà esservi nemmeno alcuna vera forma di riconciliazione….ma solo pura finzione.

  13. possa perdora
    REFUSO
    si possa perdonare

  14. LEI E’ BELLA

    Lei è bella. È la vita stessa
    nel suo più tenero
    luccichìo d’aurora.

    È bella per la sollecitudine
    con cui accorre
    dal suo bambino.

    Tutte le madri hanno
    questa bellezza,
    questa verità, questa santità.

    Tutte le madri
    hanno questa grazia,
    una bellezza
    che viene dall’amore
    come il giorno viene dal sole,
    come il sole viene da Dio.

    Christian Bobin

    ——————————————————————–
    “… Tu sei di tua madre lo specchio,
    ed ella in te rivive
    il dolce aprile del fior
    dei suoi anni…”

    William Shakespeare

    Valeriona, un abbraccio solo cuore… .

  15. Chi non crede nel perdono, non crede che da colui che ha offeso dipenda un’altra chance, non gli importa di averla: fa scaturire dal tradimento la libertà di stare al mondo, privo di legami… Quando coscienza ed inconscio non comunicano è assurdo offrire il perdono.

    Chi riconosce il tradimento, lo ha subìto o lo ha “praticato”: credo sappia riconoscere anche un limite oltre il quale non ha senso continuare ad offrire amicizia, oppure amore, che sembrerebbe falso. Il tempo impone le distanze da quel dolore lacerante e le cura (?) Quello che nasce da quel mare…è sicuramente un Essere nuovo. Non giudico nessun tipo di rapporto “affettivo”: comprendo lo sforzo immane che ognuno pratica su se stesso per cambiare e migliorare, stare bene con se stesso e con gli altri.
    Un bacio

  16. Un abbraccione!
    Sono veramente stupende queste liriche e sinceramente mi emozionano.
    Di là mi hai fatto ridere, quando parlavi a Zanna degli stupidi che Dio Ama! 😀 😀 😀 😀
    Sono anche io una stupida in fondo in fondo in fondo in fondo, ma proprio in fondo! 😀

  17. Cara Anna, grazie, grazie, grazie mille. Baci baci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...