Passioni e sesso

Non conosciamo più la passione perché l’abbiamo affogata nel sesso che, nel corpo a corpo, annulla la distanza di cui la passione si alimenta. Finché la generazione non si stancherà del sesso sarà difficile reperire passioni in quella forma eroica e sublime che l’età romantica conobbe e seppe distinguere dall’amore.

Umberto Galimberti

Annunci

12 Risposte

  1. la passione è fascinazione del bello ,del sesso inteso come vitalità della personma nella vita ,del lavoro, del rapporto tra due persome.Invece, accade che la passione è diventata l’icona del sesso ,inteso quale sistema corporale in tutte le sue possibili variabili.Detta passione non ha un lungo percorso perchè si frammenta in tanti episodi che hanno colorazione ancestrale. Anch’essa è una realtà unama,ma è diventata principalmente una realtà sociale che può mostrare grandi segni di perversione ,come da lettura dell’articolo di Benedetta Tobagi su Repubblica di oggi.Sesso nella perversione ha ,invece,bisogno di una scossa Mente/Corpo affinchè sia collocato nella giusta dimensiione di atto d’amore riconducendomi all’articolo del Prof Gabriele Laporta.

  2. Prof, lei ha ragione, ma ciò che “bombarda” la nostra vita è ormai tutto privo di “significato”, non dobbiamo vedere con gli occhi bendati!
    Mi dispiace che poi le “espressioni” della comunicazione siano di uguale contenuto!
    Ma è quello dei riferimenti esterni alla nostra vita di oggi, le assicuro che le “perle” rare si avvertono con stupore e meraviglia, purtroppo si devono nascondere!
    Una ragazza con “Anima” dove la trova?
    Cosa esprime in questo assurdo, crudele, arido contesto della terra dove siamo tutti noi!
    Allora una persona “diversa” come ne esce fuori da questo “caos”? Dove si ritrova? Neanche in questo blog!!! Poi ci sono i suicidi! Ti credo!
    No, Prof, lei che fa Anima si stordisce di questo, ma anche lei non è esente da questa confusione! Se isola con il suo comportamento indifferente!!!
    E mette gli altri nella “desertificazione” del contatto interiore! Vengo in questo blog proprio per le conferme e il mio cuore vorrebbe diventare “pietra” per tagliare questo maledetto “incastro” dalla vita che fa soffrire! Prof. non c’è spazio ai sentimenti, figuriamoci alle passioni dell’Ottocento!
    E’ tutto sesso pornografico e sfrenato siamo tutti diventati guardoni…non c’è il contatto con il corpo figuriamoci con l’anima!
    Mi dispiace che continua a non mettere integralmente i miei interventi che sono lo specchio di quello che si vive e che anche lei sfugge continuamente e ipocritamente!
    Che esempio dà lei così filosofo passionale e saggio? Ma forse vive dissociato in un mondo incontaminato dove la sua anima non si scalfisce e non si intenerisce?
    Lei piange solo per la sua “creatura” mentre fa l’amore? Che “creatura” fortunata!!!!!!!
    Prof………………………………………………………………….

    Buonanotte!

  3. Caro Brunello, non condivido, ma ti pubblico.

  4. non è la televisione la vita, dell’oggi, si vive un periodo difficile, molto duro assente di tante cose, ma la gente cerca e come se cerca! la paura è anche Anima e anima si fa sentire nel profondo… giungendo ahimè, persino al suicidio! Non tutto corrisponde a quella pur parte veritiera di ciò che si vede, ma non è tutto cosi,… ogni persona è singola pur nell’unione con gli altri, è già, un po difficile da spiegare poiché è il gioco che può apparir contraddittorio se non lo si comprende… personalmente! È VERO SI HA PAURA di ammettere d’amare la poesia, eppur tanti giovani leggono poesia! ogni cosa secondo me è sempre esistita la differenza sta, che oggi i media danno sin troppa importanza al Guardo piuttosto che ad un coppia di giovani innamorati sulla spiaggia? fa più notizia la paura, le notizie di disfacimento, ma Anima non muore, poiché quando questa dovesse morire tutto ne sarebbe Morte corpo per primo! Caro brunello mi permetto di scriverti, poiché il tuo scritto è pubblico sul blog, poiché anche io credo nel bene pur dovendo combattere una grossa fetta di male con me con il mondo che poi è la stessa cosa! Non sono uno che vede Bianco… solo bianco, ma comunque fossi l’ultimo inventore di favole continuerei a crederci, t’assicuro che la mia vita non è una favola, non lo è mai stato! Certo ho combattuto
    contro il mio cinismo più nero, cosi come il nichilismo! Vivo più in strada in mezzo a tutte le tipologie di persone quindi personalità…! Eppur ti dico la gente può essere smarrita ma ha sete la propria Anima Grida bellezza, pur in quelle persone che magari non si pongono minimamente il problema D’anima, ma L’Anima vive in noi, noi molto più in essa…! la speranza è il non mollare, anche nella vita pratica, continuare nella semina, non è chiudersi in nessun mondo solo fatato! dove vivono le fate la vivono gli Orchi! quindi Anima è un orto, uno dopo l’altro, non c’è nulla di male nel non perdere di vista che siamo entità singole, non lasciarsi avvelenare da quel che è veleno! Oggi vi è un bisogno D’Amore incredibile, come mai prima d’ora, altro che ottocento!!! in ogni epoca la gente ha sempre sostenuto la tesi del: Si stava meglio quando si stava peggio! Anima siamo noi, come è comunque, in qualsiasi modo la faremo vivere respirare, allo stesso tempo la stessa ci farà vivere sentire, prima o poi pagheremo dazio, e non mi riferisco all’inferno, al classico inferno dopo la morte!!!

  5. Buon Giorno a tutti carissimi Amici, Buon giorno a lei carissimo Professore! Ciao Brunello,… mi sono appena svegliato… ora esco fuori in quel silenzio, dove vive l’ascolto di ciò che si è smarrito!!! 😀 😉 🙂

  6. Buon Giorno anche a te, Giuseppe. Baci

  7. da Hillman:
    “Se l’Anima viene definita come fattore eros, siamo sempre costretti a considerare l’eccitazione sessuale come un messaggio dell’anima che non può essere ignorato – chi mai respingerebbe il richiamo della propria anima? Inoltre siamo costretti a pensare che i rapporti umani e i nostri entusiasmi più accesi siano tutti ispirati all’Anima, mentre in realtà non è tanto l’umore riflessivo dell’anima a provocarli, quanto l’eros che la seduce. Dobbiamo però ammettere che, benché l’Anima non sia eros, la sua prima inclinazione è verso l’amore. Essa seduce per essere accesa, incendiata, illuminata; così lei si fa avanti allo scopo di trasformare la pura riflessione in una connessione, e ha a sua disposizione un’incredibile serie d’immagini voluttuose per attirare a sé l’eros, per compiere ciò che Platone chiamava « generazione », ossia per « fare ani- ma ». Tuttavia, anche se l’amore è indispensabile all’anima, come sostengono i teologi e confermano gli psicoterapeuti, e benché sia proprio attraverso l’anima che accogliamo l’amore, l’anima non è amore.

    Quando distinguo anima ed eros negli opposti dì umidità e fuoco, serpente e lepre, uccello acquatico e colomba, riflessione e desiderio, fantasia e impulso, natura e spirito, mente e attività, profondità e ascesa,

    io seguo il principio alchimistico secondo cui soltanto ciò che è stato adeguatamente separato può essere poi ricongiunto.”

    Hillman : http://www.scribd.com/doc/12816035/James-Hillman-Anima-httpwwwanimaliberanetpilmiolibrohtml

  8. GRAZIE cara map per il tuo approfondimento.
    molto interessante.

  9. Ciao Map… tu, alchimia fantastica! 😉

  10. Scusami Map,ma l’ultima frase e’ un tuo commento personale o fa’ parte del testo?
    te lo chiedo perche’ vedo sulla schermata che c’e’ una riga di distacco e dunque me lo sono chiesta…poi un tuo commento da parte mia e’ piu’ che gradito…
    grazie

  11. Cari Giovanna e Giuseppe, pensieri in disordine….:

    se vuoi Giovanna pettinali tu ho i capelli pieni di nodi, però non mettere il balsamo perchè Giuseppe non vuole…

    e così ho preso il pane e ho tagliato le ultime due fette del discorso di Hillman, però le virgolette ci sono,
    perchè ne volevo sentire il profumo..vederne la mollica..così gli dei arrivano a noi, tramite il nostro sguardo..
    e anche l’origano sul pane con l’olio e sale diventa afrodite..
    e la sua nascita, perchè ha il profumo del mare è afrodisiaco…
    ..senza esserci
    così io amo il “Mare” ed i suoi miti
    ..senza saperlo
    e forse riprendo concretezza però se distinguo nell’evanescenza qualcosa che mi riflette
    che ha sempre riflesso tutti noi

    ma ora silenzio….

    Ognuno rivela a sè stesso quello che è.

  12. cara map,bellissime le immagini che ci hai donato…strada affascinante questa,lunga quasi come un amore impossibile da cui non si riesce a staccarsi…e si continuano a cercare mare e caverne..olio e origano….chissa’….
    grazie
    gio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...