Reminiscenza

Il nostro apprendere non è che un ricordare.

Platone

Annunci

6 Risposte

  1. MEMORIA
    Non sprecare
    gli attimi immobili
    che più generazioni
    hanno mutato.
    Essa è lì,
    sasso nella roccia,
    e, come tale,
    eterna.
    Io morirò,
    ma fino all’ultimo minuto
    l’immagine di una spiaggia
    inseguirà
    i miei sogni lontani
    e gli spruzzi salmastri
    investiranno ancora
    il mio petto ansimante.
    Poi, il tramonto
    allagherà gli spazi
    che dall’Etna
    vanno ai Peloritani,
    ed il silenzio
    si confonderà
    con gli sciacqui dell’onda
    che lieve sfiora (carezza)
    la spiaggia pietrosa
    dei miei lidi lontani.
    Santoro Salvatore Armando
    (Aosta 3.1.1993 – h. 18,52)

    QUANDO MUORE UN VECCHIO

    Quando un vecchio muore
    se ne va con lui un pezzo di storia.
    Ci si pente, poi,
    quando un vecchio muore,
    di non aver raccolto
    la memoria del tempo.
    Una vecchia strada
    di terra battuta;
    un prato oggi invaso dai palazzi;
    un insieme di vecchie case
    appiccicate e cadenti;
    un angolo di mare
    da un finestra
    poi chiusa
    dietro un muro di cemento;
    una vecchia rotonda sul mare
    scomparsa nel nulla.
    E poi le storie del passato,
    i giocattoli dei bimbi
    costruti con le proprie mani,
    le corse a piedi scalzi
    e la caccia a coleottori e farfalle
    secondo le stagioni.
    Quando muore un vecchio,
    rimane solo la stupidità
    se non è stata raccolta per tempo
    la memoria del passato.

    Santoro Salvatore Armando
    (Lillianes 11/01/2003 3.42)

  2. Di questo ne sono stato sempre fortemente convinto.
    Ho sempre trovato le spiegazioni di Platone più convincenti di quelle di Aristotele!

  3. Buon Giorno Carissimi/e Gabrielliani/e

    E’ L’arte del ricordare che passa per la lettura dell’immagine/vibrazione impressa nei tessuto dell’anima attraverso la LEGGE DELL’IMPRESSIONE.

    Se solo capissimo che è possibile ricordare, anche se in frammento, di essere stati partecipi consapevoli o inconsapevoli attori in tantissimi sentieri di passate vissute parti esperenziali. Se solo capissimo che è possibile riesumare, anche in un solo momento, tantissima passata eterna immortale memoria, potremo anche cambiare questo martoriato mondo, tanta è l’immensa infinita saggezza acquisita nel continuo tempo in questo mondo come in infiniti mondi degli infiniti immensi universi del creato.

    Quanto potenziale è celato nella divina natura umana.

    Quanto male viene fatto alla divina natura umana.

    Quanto celato lavoro viene fatto dalle nostre preziose guide spirituali.

    Quanto sonno viene indotto per dominare e governare/schiavizzare la divina coscienza cosmica di tantissimi amorevoli inconsapevoli esseri.

    Quanta attenzione si dovrebbe rivolgere dentro e non fuori di noi per svegliare la fenice dalla ceneri della morte e risurrezione del suoi tiranni aspetti egoici.

    Quanta strada bisogna percorrere per iniziare quel sentiero dell’ATTENZIONE, PER SVEGLIARE LA COSCIENZA INTERIORE….

    E’ L’ARTE DEL SOGNARE o DEL GUERRIERO citata da CASTANEDA.

    Su questo aspetto si dovrebbe veramente indagare, perché solo la conoscenza potrà frantumare ogni male ed ogni indotta paura. Paura di essere qualcosa di più grande di quello che le apparenze ci conducono a pensare…..

  4. In quanto a Platone o ad Aristotele (o altri grandiosi pensatori), entrambi erano stati iniziati agli antichi misteri, ma spesso per quel tacito silenzio non tutto ci viene tramandato da quel loro pià grande cuore…

  5. La vera storia tantissime volte è stata alterata/manipolata e questo a volte ci conduce ad un’inconsapevole critica nei riguardi di chi conosciamo solo attraverso le loro opere e spesso solo in superficie, leggendo negli effetti che sono state causa di tantissime DISTORSIONE…

    SE SAPESTE CHE SOCRATE/ARISTOTELE/PLATONE ERARANO LA STESSA ENTITA’ DEFRAMMENTATA di sicuro non si parlerebbe di diversificato o contrastante pensiero, semmai si parlerebbe diversificati divini propositi che solo attraverso le ali del tempo possono essere lette con le vibrazioni che passano nel cuore e non con la sola mente….

    LE VIBRAZIONI CHE PASSANO PER IL CUORE SONO I MESSAGGI SIMBOLICI/ARCHETIPICI CHE VENGONO TRASMESSE DAI MONDI DELL’ANIMA NEL MONDO FENOMENICO ATTRAVERSO IL SENTIRE, IL PERCEPIRE….

  6. Bel post! 🙂

    Un invito a rilfettere sul controverso senso e mistero della memoria…Su Vongole & Merluzzi!

    Spero avrai tempo di ricambiare la visita

    http://vongolemerluzzi.wordpress.com/2011/01/27/olocausto-amnesico/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...