Vocatus atque non vocatus deus aderit

Il contatto con ciò che è dentro di noi, con la profondità dell’inconscio, è assolutamente necessario perchè indica il cammino.
E non dimentichiamo le parole di Jung “Vocatus atque non vocatus deus aderit”.
“Se riusciamo a capire e a sentire che già in questa vita abbiamo un legame con l’infinito, i nostri desideri e i nostri atteggiamenti mutano …Anche nel nostro rapporto con gli altri uomini la questione decisiva è se in essi si manifesti o no un elemento infinito.Il sentimento dell’illimitato, comunque, si può raggiungere solo se siamo definiti al massimo..”

Elvezia Benini

Una Risposta

  1. WONDERFUL , goodbye !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...