Sarò da te

Sarò da te

ma tu
non ci sarai

Verrò a trovarti
ma tu
sarai partita

Scalerò le rocce dei tuoi monti…
ma tu
starai cogliendo fiori nelle valli

Ti cercherò nel freddo della sera
ma tu
giocherai col fuoco d’un camino

Cancellerai con la gomma della luna
i ricordi colorati del tuo amore
ma io
sarò da te… oltre te stessa

Tony Kospan

 

Pubblicità

11 Risposte

  1. io, io io IO IOOOO
    mi sentivo strillarti quando dicevo di amarti..
    io io io IO IOOOOOOOO
    quando l’impeto del mio amare te mi trascinava fuori da me

    ora sento solo l’eco di un temporale tra i monti,
    e il bagliore del fulmine nel grigio orizzonte di un mare di inverno

    e mi sento così, svuotata
    e così ricca

    mt

  2. Essere sempre altrove
    Terra promessa, Paradiso smarrito
    agli antipodi di un altro me:
    come il nord e il sud
    e l’est con l’ovest
    il freddo e il caldo
    la luna dimentica
    mentre il sole sorge nell’altro emisfero…

    Tony, in questo “sogno”, la PERSONA che “giunge a destinazione” e quella che non può trovarsi lì perchè è “già partita” sei sempre tu… ?

  3. Grazieeeeeeeeeeeee Prof…
    Mi ha fatto davvero felice aver la Sua attenzione per i miei modesti versi…
    t.k.

  4. No Valeria non sono io… è (era… sarà?) la persona oggetto dell’amore così vicina.. così lontana… così presente così assente…
    Grazie per l’attenzione ed anche per la suggestiva interpretazione…
    t.k.

  5. Non devi ringraziarmi di nulla, caro t.k.

    🙂

  6. la luce di questa tua poesia, Tonyk, la reazione immediata avuta (mi hai fatto scriver di getto, tale impulsività mi è propria quando seguo la mia animuccia), mi ha fatto vedere così chiaro il mio ultimo innamoramento naufragato (?) eppure … eppure amor non smette, no, e anzi.. va oltre, e cosa serve??
    in nuova ottica ci vedo il mito di Narciso.. così ben dipinto dal Merisi, questo IO dal sopra si affascina e si perde e si immege nel Sè sottostante, il passaggio di stato esige la morte apparente, e Narciso non muore (diviene fiore, in effetti) perchè cercare di innamorarsi di altri, senza prima esserlo di se stessi, esser pieni e completi.. e capaci di andare anche oltre, dove sei stato tu, anche se come un Eco il mio io reclamava vita e attenzione..
    Eco poveretta non aveva compreso, struggendosi per altro si disperde e distrugge.. resta una Parola vuota di senso di Sè!

    molte grazie, Tonyk, per avermi dato in pasto cibo così ricco.. torna la ricchezza, come vedi, nutri e pasci e mi vengon pure i brividi..

  7. Ma quel cartone animato che avevi messo tempo fa come post con l’omino che portava il suo cuoricino in vetta alla montagna mi sembra adatto a questa poesia non lo trovo però…

  8. Capperi Micaela… Grazie…
    In effetti ritengo che una poesia… un dipinto… una musica… etc… una volta nati… non siano più di proprietà escluisiva dell’autore ma vivano di luce propria nella misura in cui siano capaci di dare emozioni…
    Emozioni che saranno poi diverse a seconda della cultura… dello stato d’animo… della personalità di chi legge… vede… ascolta…
    Le tue parole miu inducono a pubblicar qualche altra mia poesia…

    Ciaoooooooo

  9. complimenti …di cuore è bella la tua poesia….inconsueta…grazie tony…..cri

  10. complimenti vivissimi… tony,,,,,cri

  11. Complimenti Tony per questa bella poesia costruita sull’eco di emozioni alla ricerca di un amore apparentemente irraggiungibile poiché solo la forza dell’amore può sconfiggere qualsiasi ostacolo.
    Grazie, ciao!
    Anna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...