Un essere solo da due

Da tempo dunque è connaturato negli uomini l’amore degli uni per gli altri che si fa conciliatore dell’antica natura e che tenta di fare un essere solo da due e di curare la natura umana.

Platone

Annunci

5 Risposte

  1. Buona Sera Carissimo Prof. Gabriele,
    l’amore degli uni per gli altri che si fa conciliatore dell’antica natura APPUNTO L’ANTICA UNITARIA DIMENTICATA IMMORTALE NATURA che in questa polare distorsione (che produce duale vibrazione) ricerca se stessa con grande Passione e Amore, sinergica attrattiva fusione di Psiche ed Eros.

  2. Buongiorno caro Raffaele

  3. Buon Giorno Carissimo Prof.Gabriele,
    ieri sera, presso amici, ho avuto modo di vederla all’opera è mi sono estasiato nel vibrare nella la sua stessa maggiore frequenza..

    Nella somma, il bilancio è assai traumatico e pesante da sostenere per tutte le famiglie. Così come ho detto in quel mio secondo scritto c’è una manipolazione della coscienza che tende a nascondere i veri problemi di questa nostra martoriata umanità… tutto gira attorno a quel SIGNORAGGIO BANCARIO CHE GOVERNA OGNI COSA. Basta girarsi attorno per vedere che non esiste più economia, NESSUN EQUILIBRIO TRA DOMANDA ED OFFERTA. Tutto questo perché ci siamo fatti trascinare da una FALSA MORALE che ha prodotto solo PERDITA DI VERI VALORI della vita che sono cooperazione e rispetto per gli altri, mentre il sistema tende con mille forme a coercizzare, a far nascere discriminazione e separazione sociale.

    Da un punto di vista politico questi nostri GOVERNANTI che si sentono detentori e portatori sani di questo nostro governo, non hanno capito proprio niente, anzi hanno solo capito che è la fonte di potere con coi possono vivere nella loro misera illusione.

    Hanno consapevolmente scordato che LO STATO SIAMO TUTTI e che loro semmai dovrebbero essere solo gli AMMINISTRATORI e non un potere assolutista che ha perso da tanto tempo quei veri principi di ETICA, DI ESTETICA e soprattutto di MORALE. Dove sono queste virtù in queste persone? E pensare con grande mio rammarico che oltre a quella corrente MAFIOSA che li appoggia, ci siano ancora tantissimi uomini di buona volontà che come mammalucchi o meglio ammuccalapuna credono ed innalzano queste persone (se persona si possono chiamare) al loro illusorio ideale, mentre io li spedirei tutti su un altro pianeta come miseri menticandi. Quale ideale, mi chiedo se L’ALBERO SI RICONOSCE DAI SUI FRUTTII O DAGLI E FFETTI , una società che vive sommersa dai sui stessi bisogni, dalla spazzatura e da chi sotto ci specula.

    Una politica che tende in mille modi di succhiare energia da ogni povera famiglia, mentre per quel vero principio tutto dovrebbe essere finalizzato PER IL POPOLO e non dal popolo .

    Un popolo che a stendo riesce ad arrivare a fine mese, un popolo che è immerso da mille problemi di natura esistenziale, dalle sempre più crescenti impositorie assicurazioni, alle dichiarazioni, alle maggiori aggravanti maggiori tasse, i consumi non controllati., perché cosa? Per avere un migliore servizio? Quale servizio se non funziona più niente dalla sanità alle istituzioni scolastiche e sociali?

    Per non parlare di tutti quei processi legati alla DISLOCAZIONE, che ha prodotto tantissime nefaste influenze…

    il popolo non ha più soldi da spendere, contrariamente alle divulgate falsate statistiche sull’indice di svalutazione, che nonostante i numerosi incentivi statati ai governi regionali; alla fine poco arriva AI VERI DESTINATARI sia Commerciali che Produttivi. Mentre in effetti la maggior parte dei capitali finanziati dallo stato e della comunità europea vengono trattenuti da organizzazioni mafiose capeggiate da corrotti uomini politici. Tutto ciò favorisce il precariato, in quanto i poveri lavoratori devono prendere ciò che passa il convento per sopravvivere, l’evasione fiscale dei commercianti, per tenere i loro margini di guadagno contro la costrizione dello Stato a non abbassare le tasse vista l’evasione sempre più crescente che per un processo di sopravvivenza diventa un fattore quasi naturale e necessario per molti.

    Un cane che si morde la propria coda, un circolo vizioso da cui non si esce più e che unito all’aumento del costo del barile del petrolio, sta portando verso una recessione globalizzata tutti gli Stati occidentali, in primis quelli con meno autonomia e quindi, più dipendenti dalle risorse energetiche prelevabili da altri paesi.

    Poi vorrei capire come mai il prezzo della benzina e del gasolio sia sempre in aumento, nonostante il prezzo a barile del petrolio in dollari non abbia subito grossissime oscillazioni mentre il maggiore potere di acquisto dell’euro sul dollaro avrebbe garantito un minor prezzo?

    Che bella malevola speculazione appoggiata da un FALSO TIRANNO STATO CHE SI BASA SUL SIGNORAGGIO BANCARIO, per giustificare ed impinguare maggiori introiti anziché verso giuste istituzioni sia sociali che economiche, dirottando molti capitali verso le numerose false spese di gestione destinate alle numerose organizzazioni MAFIOSE, , politiche (compreso quelle sindacali) sia centrali che decentrate su tutto il territorio statale.

    Quando spendono le famiglie per queste energie?
    Quando spendono le famiglie per curasi su una mala sanità che fa acqua da tutte le parti, una sanità che con la scusa del raggiunto fasullo budget impone e dirotta sempre di più la povera gente a rivolgersi ai privati ed ai centri specializzati A COSTI STRATOSFERICI per le loro già misere tasche?

    Nella sintesi, l’aspetto dissolutore è dovuto soprattutto ad un enorme peso fiscale/tributario che grava su tutta l’economia come anche ad un non controllato illusorio consumismo che collassando non può e non riesce a generare più posti di forza lavoro. Quando non c’è lavoro non c’è economia . Il vero fulcro portante di ogni sana società è nella sua capillare micro economia che nasce dalle sane famiglie e non quel potere assolutista che si basa sulla soppressione del piccolo per impinguare i pochi malevoli detentori del potere. Mentre invece ogni saggia società dovrebbe aiutare i sui fratelli che meno agiati vivono questa loro vita.

    A che servono tutte queste maggiori tasse, quando non viene fornito più un valido civile servizio? Con certezza matematica, affermo che la maggior parte finiscono nelle tasche di pochi fetendoni privi di un vero cuore)

    Dalle mie parti si dice che “u pisci feti da testa” ed è per questo che noi, del sud per quel concetto di non spreco, cuocendola la diamo ai nostri amorevoli fedeli cani o gatti.

    Certo, non è facile trasformare questa nostra società basata sul materialismo, sul consumismo, sul dio denaro, sul potere e sulle celate induttanze discriminatorie…Ci vuole una vera rivoluzione di coscienza , ma bisogna che questa venga prima effettuata nell’interiore di ogni essere. Per questo dico, che sua preziosa persona è un meraviglioso illuminante canale conoscitivo che può alzare la consapevolezza di tanti… E anche se sarebbero pochi, quei pochi possono rivoluzionare il tutto perché nel tutto siamo legati nell’anima……Ne basta uno solo, perché in quell’unità c’è l’immenso TUTTO.

    Penso con nostalgia alle antiche sagge scuole del passato, alle scuole Pitagoriche / Platoniche / Aristoteliche ecc che volevano elevare gli esseri per essere i veri portatori saggi di ogni sociale verta politica.

    Carissimo Prof. Gabriele ci voglio tante sagge illuminate persone come lei, (che se mi è concesso direi, con le vere palle) per sanare questo nostro martoriato mondo..

  4. Grazie, grazie e ancora grazie, carissimo Raffaele. Un abbraccio, Gabriele

  5. Caro Raffaele, cosa aggiungere al tuo pensiero che descrive benissimo la penosa e, drammatica per molti, situazione che stiamo vivendo? Credo che una via nuova e migliore prima o poi saremo e “saranno costretti” i “capi del mondo” a percorrerla. In questi giorni sto leggendo il saggio di Jeremy Rifkin: La civilta’ dell empatia – La corsa verso la coscienza globale nel mondo in crisi-. E’ stato pubblicato in Italia a febbraio di quest anno e parla del paradosso empatia-entropia odierna, dell Homo Empaticus. Cito un brano:” La civilta’ dell empatia e’ alle porte. Stiamo rapidamente estendendo il nostro abbraccio empatico all intera umanita’ e a tutte le forme di vita che abitano il pianeta. Ma la nostra corsa verso una connessione empatica universale e’ anche una corsa contro un rullo compressore entropico in progressiva accelerazione, sotto forma di cambiamento climatico e proliferazione delle armi di distruzione di massa. Riusciremo ad acquisire una coscienza biosferica e un empatia globale in tempo utile per evitare il collasso planetario?”–Prima o poi! ? In effetti una mutazione e’ gia’ iniziata: la Terra e’ in fase di cambiamento ed e’ complicato riuscire ad essere in sintonia con le sue vibrazioni. Grazie al cielo ci sono persone meravigliose ed eccezionali come il professor La Porta che tengono saldamente il timone della Vita, quella vera. Un abbraccio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...