Ancora mi struggo per l’angoscia dei desideri

Ancora mi struggo per l’angoscia dei desideri,

Ancora l’anima mia ti desidera,

E nella tenebra dei ricordi

Ancora io rivedo il tuo volto…


Il tuo caro, indimenticabile volto,

Che è sempre, e ovunque, davanti a me,

Così inafferrabile, così immutato

Come una stella nel cielo notturno…

Fedor I. Tjutcev

Una Risposta

  1. “Il desiderio negato”

    Il desiderio negato come un verme si distorce
    nell’anima e fa grigi i sensi.
    Nelle vie buie del cuore si incammina,
    come un uomo solitario
    col volto coperto dall’ombra dei ricordi.
    Come il fiume che giunto alla foce
    dopo la tempesta, non rimembra più la sua sorgente
    impetuoso, il desiderio,
    si dimena tra le mura della vita
    e non conosce orizzonti.
    In silenzio, continua il suo viaggio
    tra le vie dell’anima…
    e come le nuvole
    gridano nel cielo dopo la bufera
    abbruttendo la bellezza infinita
    delle più sublimi altezze,
    così l’urlo taciuto del desiderio negato
    veste di oscuro pianto la sagoma della vita,
    che stanca di dolore inizia il suo cammino lento
    nella città distrutta della sua coscienza
    trascinata dal fiero vincitore …
    Quel vincitore sei Tu,
    dolce ricordo
    di desiderio negato

    (Teresa Marino)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...