Albero cosmico

Gli esseri provvisti di anima hanno radici, che dall’alto verso il basso, arrivano fino a loro.

Asclepius

18 Risposte

  1. Un abbraccio a tutti.
    Gabriele, volevo salutarla. A presto.
    Angela Curatolo

  2. A presto carissima Angela. Un abbraccio, Gabriele

  3. dall’alto verso il basso o dal basso verso l’alto ricordo qualcosa circa Ermete Trismegisto e la sua tavola smeraldina.. ci ha attinenza prof?

    baci

  4. caro prof. Gabriele a proposito di questo dovrebe andare a guardare ciò che c’è nella mia mail in allegato pdf già da diversi gioooorni…
    baci e strabaci a todos.

  5. Prof,non credo di aver capito..le radici sono in alto e passano attraverso l’anima?

  6. E’ una poesia di Edoardo De Filippo,
    per chi sa il dialettto sotto c’ è l’ originale…
    PENSO SIA UNA POESIA CHE VALGA LA PENA DI LEGGERE

    titolo: IO VORREI TROVARE PACE
    (aggiungo io: e chi non lo vorrebbe?!…)

    Io vorrei trovare pace
    ma una pace senza morte
    una, tra tante porte,
    che si aprisse per vivere!
    Si aprisse una mattina
    una mattina di primavera,
    e arrivasse fino a sera
    senza dire “chiudete là”!
    Senza sentire più gente
    che ti dice: io facio e dico,
    senza sentire l’amico
    che ti da consigli.
    Senza sentire la famiglia
    che ti dice. “ma cosa hai fatto?”
    Senza scendere più a patti
    con la coscienza e la dignità.
    Senza leggere il giornale…
    la notizia impressionante
    che è un guaio per tutti
    e non puoi farci niente.
    Senza sentire il dottore
    che ti spiega la malattia..
    la ricetta in farmacia..
    l’onorario da pagare.
    Senza sentire questo cuore
    che ti parla di Concetta,
    Rita, Brigida, Nannina…questa si ..l’altra no.
    Insomma, perchè se vuoi pace,
    e non sentire più niente,
    devi solo sperare che venga la morte?
    Io vorrei trovare pace
    ma una pace senza morte
    una, tra tante porte,
    che si aprisse per vivere!
    Si aprisse una mattina
    una mattina di primavera,
    e arrivasse fino a sera

    ORIGINALE

    TITOLO: Io vulesse truvà pace

    Io vulesse truvà pace;
    ma na pace senza morte.
    Una, mmieze’a tanta porte,
    s’arapesse pe’ campa’!

    S’arapesse na matina,
    na matin’ ‘e primavera,
    e arrivasse fin’ ‘a sera
    senza dì: ‘nzerràte llà!

    Senza sentere cchiù ‘a ggente
    ca te dice: io faccio…,io dico,
    senza sentere l’amico
    ca te vene a cunziglia’.

    Senza senter’ ‘a famiglia
    ca te dice: Ma ch’ ‘e fatto?
    Senza scennere cchiù a patto
    c’ ‘a cuscienza e ‘a dignita’.

    Senza leggere ‘o giurnale…
    ‘a nutizia impressionante,
    ch’è nu guaio pe’ tutte quante
    e nun tiene che ce fa’.

    Senza sentere ‘o duttore
    ca te spiega a malatia..
    ‘a ricett’ in farmacia…
    l’onorario ch’ ‘e ‘a pava’.

    Senza sentere stu core
    ca te parla ‘e Cuncettina,
    Rita, Brigida, Nannina… Chesta sì…Chell’ata no.

    Pecchè, insomma, si vuo’ pace
    e nun sentere cchiu’ niente,
    ‘e ‘a spera’ ca sulamente
    ven’ ‘a morte a te piglia’?

    Io vulesse truva’ pace
    ma na pace senza morte.
    Una, mmiez’ ‘a tanta porte
    s’arapesse pe’ campa’!
    S’arapesse na matina,
    na matin’ ‘e primavera,
    e arrivasse fin’ ‘a sera
    senza di’: nzerràte lla’!

    (Eduardo de Filippo)

  7. E’ una poesia di Edoardo De Filippo,
    per chi sa il dialettto sotto c’ è l’ originale…
    PENSO SIA UNA POESIA CHE VALGA LA PENA DI LEGGERE

    titolo: IO VORREI TROVARE PACE
    (aggiungo io: e chi non lo vorrebbe?!…)

    Io vorrei trovare pace
    ma una pace senza morte
    una, tra tante porte,
    che si aprisse per vivere!
    Si aprisse una mattina
    una mattina di primavera,
    e arrivasse fino a sera
    senza dire “chiudete là”!
    Senza sentire più gente
    che ti dice: io facio e dico,
    senza sentire l’amico
    che ti da consigli.
    Senza sentire la famiglia
    che ti dice. “ma cosa hai fatto?”
    Senza scendere più a patti
    con la coscienza e la dignità.
    Senza leggere il giornale…
    la notizia impressionante
    che è un guaio per tutti
    e non puoi farci niente.
    Senza sentire il dottore
    che ti spiega la malattia..
    la ricetta in farmacia..
    l’onorario da pagare.
    Senza sentire questo cuore
    che ti parla di Concetta,
    Rita, Brigida, Nannina…questa si ..l’altra no.
    Insomma, perchè se vuoi pace,
    e non sentire più niente,
    devi solo sperare che venga la morte?
    Io vorrei trovare pace
    ma una pace senza morte
    una, tra tante porte,
    che si aprisse per vivere!
    Si aprisse una mattina
    una mattina di primavera,
    e arrivasse fino a sera

    ———————————————————
    ORIGINALE
    TITOLO: Io vulesse truvà pace

    Io vulesse truvà pace;
    ma na pace senza morte.
    Una, mmieze’a tanta porte,
    s’arapesse pe’ campa’!

    S’arapesse na matina,
    na matin’ ‘e primavera,
    e arrivasse fin’ ‘a sera
    senza dì: ‘nzerràte llà!

    Senza sentere cchiù ‘a ggente
    ca te dice: io faccio…,io dico,
    senza sentere l’amico
    ca te vene a cunziglia’.

    Senza senter’ ‘a famiglia
    ca te dice: Ma ch’ ‘e fatto?
    Senza scennere cchiù a patto
    c’ ‘a cuscienza e ‘a dignita’.

    Senza leggere ‘o giurnale…
    ‘a nutizia impressionante,
    ch’è nu guaio pe’ tutte quante
    e nun tiene che ce fa’.

    Senza sentere ‘o duttore
    ca te spiega a malatia..
    ‘a ricett’ in farmacia…
    l’onorario ch’ ‘e ‘a pava’.

    Senza sentere stu core
    ca te parla ‘e Cuncettina,
    Rita, Brigida, Nannina… Chesta sì…Chell’ata no.

    Pecchè, insomma, si vuo’ pace
    e nun sentere cchiu’ niente,
    ‘e ‘a spera’ ca sulamente
    ven’ ‘a morte a te piglia’?

    Io vulesse truva’ pace
    ma na pace senza morte.
    Una, mmiez’ ‘a tanta porte
    s’arapesse pe’ campa’!
    S’arapesse na matina,
    na matin’ ‘e primavera,
    e arrivasse fin’ ‘a sera
    senza di’: nzerràte lla’!

    (Eduardo de Filippo)

  8. Lo so Map pina, infatti ti ha scritto mio figlio chiedendoti di inviargli una immagine in formato Jpg, in modo da poterla inserire nel blog. La casa l’ho vista ed è INCANTEVOLE 🙂

  9. IL RICHIAMO
    . . .

  10. e se non sbaglio un certo sig.Jung diceva che
    “L’albero è il simbolo dell’interiorità.”

  11. a me fa pensare al concetto kabbalistico dell’Albero della Vita oltre che a Ermete Trismegisto, ma mi rendo conto che chi espone in un modo chi esprime in altro, tutti trasmettono la stessa valenza.
    La torre di babele non ha influito solo sul “linguaggio”
    Un saluto sincero Professore

  12. Per Amalia – ti rispondo con quanto dice Hammiddodin Permani: “La storia si svolge in senso verticale, corrisponde alla discesa dello spirto, dall’alto verso il basso ma nell’Asclepius forse c’è anche un suggerimento al rovesciare la nostra visione del mondo creato-universo

  13. nel giro, d’alto verso il basso, dal basso verso l’alto dopo aver sperimentato, l’umano??? il giro dei due mari…!! nell’essere uno, abbiam scelto, ma quell’uno è stato ingannatore e veritiero! noi siam uno, come singoli pur divini ma incolpleti..nel aver pensato di potersi distaccare da “Quel”, che l’uno, ha creato! Abbiam scelto ora in un certo qual modo, come smemorati che in aria in aria senton qualcosa, ricerchiamo. Dovendo percorrere un cammino da noi voluto, quindi ritornare alle radice per gioire nuovamente del Sole!!, ma non è detto che tutto si compia,…iin un solo giro, si può cosi esser innamorati del “noi” come singoli, della nostra natura..terrena, che magari non si voglia accettare il tutto! Quindi il tutto si ripeterà, fino…((((.)))!!! Il Dio Invisibile se è Amore…a se vorrà ricondurre il tutto, altrimenti il tutto rimarrà caotico!! almeno che il Dio stancandosi, ne direbbe bene vi mollo, su di voi ho sbagliato, dimostrando L’imperfezione..di se stesso..con se stesso!!! noi siamo disordine e ordine di DIO!!!

  14. Prof,allora..se lo spirito discende dall’alto verso il basso,l’anima,potrebbe seguire la via opposta.
    Sto leggendo il libro di Cobb Maestri per l’anima- e lui scrive che l’anima,l’artista archetipo infonde la vita,anima ciò che non ha vita.E’ una immagine sublime,Prof emozionante dove ricorda che il primo pittore rupestre rese omaggio all’anima di un animale..i libri dicono che si trattava di un atto di magia simpatica,per favorire la caccia,ed è un modo riduttivo di intendere la cosa,ma in fondo anima è fare vivere ciò che è inerte,appunto inanimato..ma così l’anima lavora sulla materia e la solleva verso il cielo..Che ne pensa? Potrebbe essere una interpretazione?

  15. Carissimo Prof. Gabriele
    Spesso la sua grande bontà, ha permesso ai miei pensieri di trovare uno spazio nei suoi preziosi post, confidando nella sua bella persona, copiandolo anche se è lungo vorrei esprimere quello che il mio cuore ha sublimato dopo tanta ricerca interiore….

    C’è sempre quell’aspetto speculare di ogni cosa, come ogni riflesso raggio di coscienza. Il molte antiche iconografie quell’albero della vita è rovesciato, per indicare per analogia il legame che le nostre radici hanno nei mondi soprasensibili, mentre il fogliame, il fiore, il frutto, va in manifestazione,si raccoglie nei mondi più densi e materiali Da quella croce cosmica siamo ridiscesi, l’ungo l’asse verticale dell’albero della vita (la colonna vertebrale) e da quello stesso albero, da quella stessa scala possiamo prima dei nostri già contati giorni ritorniamo alla fonte.

    Contrariamente a quanto sostenuto dalle teorie sull’evoluzione dell’uomo, dell’anima e dello Spirito, sostengo che quell’anima bisogna cotruirsela, passo dopo passo, sforzo dopo sforzo, perché nei primi stati evolutivi dell’essere è come un embrione, un seme che se innaffiato e coltivato può dare l’albero della vita che incarna l’Anima.

    Purtroppo non tutti lo intuiscono, e non si rendono conto che c’è qualcosa di strano in tutto ciò che ci raccontano. Bersi la storiella dell’Evoluzione significa giocarsi la possibilità di emanciparsi. L’Evoluzione è un processo meccanico e come tale, se non trasceso può portare anche all’involuzione. Cosi come è successo per tutte quelle più evolute civiltà di un antico passato, Oggi che viviamo in un mondo assai tecnologico, ma assi materiale capiamo quanta perdita c’è di valore rispetto al nostro passato. Per quella legge dell’attrazione; tutto ciò che sale scende. E’ solo nella rivoluzione la strada, in quando è un atto di auto consapevolezza, di volontà, di auto determinazione. Solo attraverso la Rivoluzione della Coscienza l’uomo si auto realizza, fino a quella propria scala evolutiva che lo porterà alla vera casa.

    Adamo è simbolicamente l’Uomo che aveva memoria della sua divinità, ma non la consapevolezza d’esserlo, ecco perchè Dio lo ha spinto a cibarsi dall’albero del bene e del male: per fare esperienza. Disobbedito? Non credo. Dio ha spinto il suo figlio fuori dall’Eden perché ritorni a casa ricco di nuova grande esperienza ed
    auto coscienza. Quel Dio (o Dei) attendono il ritorno del figliol prodigo.

    “Nell’Eden Adamo era completamente impersonale, perchè non aveva ancora gustato quel frutto. Ma una volta ceduto al desiderio, che è l’agente terreno della volontà del creatore, perse memoria e fu costretto ad imparare il dominio sui regni inferiori, dominio che gli avrebbe dato la Maestà non fisica, non materiale, ma spirituale nel proprio mondo interiore, nel proprio cielo, nella propria Gerusalemme”.

    Adamo Kadmon è quella divinità, è l’uomo cosmico della cabalà ebraica, l’uomo a cavallo tra il microcosmo ed il macrocosmo, l’uomo simbolicamente raffigurato dall’albero sefirotico della vita. Egli è l’ingenua Essenza che si incammina nel sentiero dell’eroe. In ogni essere è celato come una eredità biologica, ma soprattutto spirituale, perché è Adamo, è l’archetipo ebraico di ADAMO KADMON, ed anche noi siamo quell’uomo. Il desiderio è l’agente terreno della volontà del creatore perché è attraverso di esso che l’uomo impara a conoscere se stesso ed il dominio sui mondi di sotto. I mondi dell’anima, i mondi degli inferi, i mondi degli ego.

    “..il Signore Dio piantò un giardino in Eden, ad Oriente, e vi collocò l’uomo che aveva plasmato. Il Signore Dio fece germogliare dal suolo ogni sorta di alberi graditi alla vista e buoni da mangiare, tra cui l’albero della vita in mezzo al giardino e l’albero della conoscenza del bene e del male”

    L’Eden è il sesso, è proprio il sesso. Nell’Eden vi erano 2 alberi: l’albero
    della vita che simboleggia la colonna vertebrale, il midollo spinale e l’albero
    della conoscenza del bene e del male che simboleggia la forza sessuale.

    La spiritualità non è fatto solo di lavorare al servizio dell’aquila, non è solo essere servitori della luce, la spiritualità è l’auto realizzazione, è l’auto determinazione, è rivoluzione, è – sia fatta la tua volontà, è un atto di grande volontà. Servire la luce senza realizzazione interiore, senza ricercare la maestria, a mio parere significa anche servire l’ombra. Luce ed Ombra sono facce della stessa medaglia, il punto è stare svegli, il punto è star in mezzo, il punto è l’albero della vita non l’albero della conoscenza del bene e del male, quello è solo lo strumento per arrivare a Dio, per arrivare all’albero della vita, per diventare Venerabile Maestri, per Autorealizzarsi.

    Chi è realmente l’aquila? Siamo noi, siete il vostro Intimo, il potere Dio Padre/Madre dentro ognuno di voi… …molti i chiamati pochi gli eletti – il resto delle persone è talmente assuefatto al sistema che è pronto a battersi per difederlo, e purtroppo il
    sistema non è solo il sistema della vita ordinaria e del materialismo, può essere anche un sistema di regole spirituali, un ordine spirituale, un cerchio spirituale; può essere tutto se non si comprende l’importanza di restare svegli, l’importanza di usare la propria testa.

    Come dicevo, la Gerusalemme Celeste, è il luogo dove dimora l’Intimo; è la casa dell’Intimo è il Kether dell’albero della vita; è il luogo dove tutti possiamo avere accesso. E’ il triangolo Atman, Buddhi e Namas che raffigura il Padre Nostro che sta in segreto, nella segreta città di Zion, e che sono la volontà, il corpo e il nome cioè la manifestazione del nostro Intimo nelle ultime 3 dimensioni dell’Uomo che è
    il granello di senape.

    “Quel granello cresce e diventa un albero e gli uccelli vengono a fare il nido tra i suoi rami”. Cosi come siamo attratti dalla radiosa luce del nostro Prezioso Prof. Gabriele.

    L’ego, il difetto esiste solo nei piani della psiche Astrale, mentale e causale, cioè il difetto ha un desiderio, una giustificazione ed una causa ma non ha accesso al piano della coscienza, della super mente, dell’IO superiore, del super IO, e non ha accesso al primo piano della manifestazione dell’Intimo che è l’Amore dell’Essere, la volontà di amare dell’Essere Reale. Al di là delle parole, tutto ciò significa che esiste un luogo dove in difetto non ha accesso e che solo contattando quel luogo possiamo realmente connetterci con il Segreto più profondo dentro di noi e riportare nella dimensione fisica il potere delle virtù che esso esprime. Come con la Meditazione per esempio e col coltivare una vita in armonia col tutto il prossimo e con l’ambiente, amando ogni gesto ogni cosa della vita curandoci di restare svegli.

    La verga è la colonna vertebrale, è l’albero della Vita del Vangelo. Adamo ed Eva di
    si nutrivano dei frutti dall’albero della Vita significa nutrirsi dei poteri dell’iniziato,
    ovvero dei poteri dei 7 serpenti svegli. i 7 Vortici energetici i 7 Chakras.

    Studiando il sistema nervoso dell’essere umano, i biologi hanno scoperto che il sistema simpatico è costituito da una parte periferica formata da un insieme di nervi e di gangli collegati tra di loro da una rete di filamenti nervosi chiamati PLESSI. Quindi esso non si limita ai centri che si dispongono lungo il midollo spinale partendo dal cervello fino alla base della colonna vertebrale, ma esiste molto di più.

    I gangli sono così ripartiti:
    – 3 coppie di gangli intra-cranici, posti lungo il percorso del trigemino;
    – 3 coppie di gangli cervicali, collegati al cuore;
    – 12 coppie di gangli dorsali, collegati ai polmoni e al plesso solare
    – 4 coppie di gangli lombari, collegati al plesso solare e per tramite
    suo allo stomaco, all’intestino tenue, al fegato, al pancreas a ai reni;
    – 4 coppie di gangli sacrali, collegati all’intestino retto, gli organi
    genitali e la vescica.

    Tutto questo è disponibile su qualunque libro di anatomia umana, eppure ancora non capiamo. E’ tutto collegato: i l Plesso Solare, i chackra, la visione
    unica, l’intelligenza addominale.

    Tra il sistema simpatico e il cervello esistono dei collegamenti. Il cervello non può agire direttamente sugli organi, ma lo fa attraverso un intermediario, il sistema simpatico, del quale il plesso solare è il centro più importante. Ecco perché gli sciamani lavorano con 8 centri (7 chakra e il plesso); essi conoscono questi collegamenti alla perfezione, sanno cos’è l’intelligenza addominale e lavorano per rendere cosciente il legame tra il plesso e il cervello (la visione dell’occhio unico).

    Esiste un legame tra gli stati psichici e quelli fisici. Per esempio, un sentimento di tristezza agisce attraverso il plesso sulle vie del sistema simpatico, che, avendo un ruolo vasocostrittore, cominciano a contrarre il sistema arterioso. Questa Contrazione, provocata dalla tristezza, ostacola la circolazione del sangue e di conseguenza anche la digestione, la respirazione, etc. Per mettere in azione i nervi che dilatano, si deve fare appello alla gioia, all’amore e ogni giorno alzarsi ringraziando per la vita che scorre in noi, per la magnifica occasione che ci è data di vivere.

    E’ COSI’ CHE SI PUO’ COMPATTERE OGNI PICCOLO/GRANDE DOLORE, CON LA CONOSCENZA CHE CI E’ STATA SEMPRE TRAMANDATA IN OGNI CONTINUO TEMPO.

    La gioia per la vita già da sola dovrebbe riempirci. Essere morti è una cosa seria. Impariamo ad amare la vita: è importante perché è realmente un grande dono.

    Esiste una corrispondenza tra la catena dei gangli, come per i sigilli ed i chackra e le virtù; a dimostrare quanto l’uomo completo sia disposto sulla sua verticale, lungo la linea della sua colonna vertebrale. Sono fuori strada i moralisti convinti che solo una vita protesa al cielo porta alla trascendenza ed alla nascita del Cristo intimo.

    L’uomo completo è un uomo 1, 2, 3, 4, 5, 6, e 7 insieme. I primi 3 sigilli presi da solo costituiscono la consapevolezza sociale, anche detta ordinaria, e se sono energeticamente scarichi portano il sonno della coscienza, mancanza di fuoco, di stimoli ed inappetenza alla vita; il secondo chakra è il chakra della vita. Il terzo, il plesso solare è la sede del potere personale, dell’affermazione di se nel mondo. Un plesso debole porta la persona ad avere poca stima di se e al catastrofico abbandono ai “soprusi” psicologici altrui; quel senso di impotenza ogni qualvolta si crede di subire qualcosa dal nostro prossimo. Se fossimo più forti nel plesso solare certe cose non entrerebbero nemmeno nella nostra vita e non per questo significherebbe che non amiamo e rispettiamo gli altri.

    Temiamo di ferire e di conseguenza subiamo. A volte ne temiamo il giudizio o la reazione e questo è ancora peggio. L’eccesso di fuoco del plesso ci fa irruenti e prevaricatori, ma la mancanza deboli ed in balia. Ci vuole sempre equilibrio. Se una cosa fa bene non significa che di più faccia meglio. Morire nell’aspetto animale non significa quindi castrare i primi 3 sigilli. E’ come se doveste rimettere in ordine la vostra auto o la moto. Tutto di quel “mezzo” vi serve. Date il valore giusto a tutte le sue parti; il motore anche se si sporca è la cosa più importante senza non ci si muove.

    Provate ad immaginare quali dei sigilli sono il motore? I primi 3 sigilli vanno puliti ed ingrassati e poi va messa la benzina, la benzina emozionale del 2 chakra; senza questa benzina non si sale al cuore, non si arriva alla virtù del cuore l’amore. E’ attraverso le emozioni che noi trasformiamo il piombo in oro, è attraverso le emozioni che raffiniamo l’idrogeno SI6. Nel tipo umano purificato, nell’individuo risvegliato questi 3 sigilli sono il corpo della purezza e della giustizia, sono le qualità della stabilità della base, del fondamento, poiché la purezza è alla base; e dell’equilibrio, la bilancia delle lombari. Insieme queste sono il mondo fisico, le fondamenta, Iesod la pietra dell’opera, la pietra angolare del potere energetico e
    dell’alchimia.

    Per si interessa un pò di cabalà sappiate che il totale del numero dei gangli fa 26. Il numero 26 è il numero delle quattro lettere del nome di DIO in ebraico, il tetragramma: Iod, Hè, Vau, Hè. Iod, Hè, Vau, Hè è proprio il nome di Dio e si codifica così: (Iod) = 10, (Hè) = 5, (Vau)=6 ed infine (Hè)=5 totale 26

    Il nome di DIO e costruito secondo le leggi che regolano il sistema simpatico. Sarà anche una coincidenza, ma. Verità, Saggezza, Amore, Giustizia e Purezza.

    La Forza Kundalini e i Chackra
    Il libro dell’apocalisse di San Giovanni parla della visione della Gerusalemme
    celeste ed in merito dice:
    “E mi mostrò il fiume dell’acqua della vita, splendente come cristallo, che scaturiva dal trono di Dio e dell’Agnello. Nel mezzo della piazza, e di qua e di là del fiume, vi era un albero della vita che produce dodici frutti, portandone uno ogni mese: e le foglie dell’albero sono per la guarigione delle genti”

    il fiume dell’acqua della vita – sono le acque seminali, l’ens semins.
    splendente come cristallo – quando cominciamo a trasmutare e conservare il seme lo purifichiamo ecco il paragone con la purezza del cristallo. Nel buddismo Rinpoche significa Diamante e la via per diventare un Buddha la via di diamante. Il diamante è il cristallo puro per eccellenza.
    e di qua e di là del fiume, vi era un albero della vita – si tratta della colonna vertebrale, essa è l’albero della vita e sta in mezzo ai due fiumi Ida e Pingalà, in mezzo alle due correnti elettriche della Madre.
    che produce dodici frutti, portandone uno ogni mese – i dodici frutti sono i dodici segni zodiacali ecco perché nell’immagine i frutti vengono associati
    uno per ogni mese. L’Ariete porta il dono dell’attività, il Toro la sensibilità e
    la bontà, i Gemelli la ragione ed il gusto per lo studio, il Cancro la percezione del mondo sottile e la fecondità, il Leone la nobiltà ed il coraggio, la Bilancia l’equilibrio cosmico per eccellenza, lo Scorpione la comprensione della vita e della morte, il Sagittario il legame col cielo, il Capricorno il dominio su sé e su gli altri, l’Acquario la fraternità e l’universalità ed infine i Pesci il sacrificio. Queste sono le qualità dei frutti dell’Albero del Vita.

    Le radici che affondano sulle due sponde del fiume sono i gangli nervosi situati ai lati del sistema della colonna vertebrale.

    La colonna vertebrale collega il cielo con la terra: il nostro cielo il cervello con la terra il ventre, l’addome. Sotto la terra brucia un fuoco sotterraneo ed altrettanto in noi nella nostra terra brucia lo stesso fuoco. E’ il fuoco della divina Madre Kundalini che giace arrotolata alla base del coccige.

    La scienza tantrico insegna che la Kundalini dorme sette sonni e che bisogna quindi risvegliarla sette volte. Sette volte per sette serpenti la Madre dovrà essere innalzata lavorando nella fornace dei Ciclopi, nel Matrimonio perfetto: è l’unica via.

    Quando il serpente viene risvegliato la direzione che prenderà, cioè salire o discendere non dipende dalla volontà dell’uomo ma dalle sue qualità e virtù. Quando il serpente si svegli si lancia nella direzione in cui trova nutrimento. E’ necessario aver purificato la rete dei Chakra per permettere La salita del serpente. Cosa sono i chakra? Al di là del corpo fisico, nei suoi corpo eterico e astrale l’uomo possiede dei centri sottili, situati sull’asse della spina dorsale. Attraverso la pratica quotidiana possiamo dare movimento ai chakra, ma non aprirli, dischiuderli o risvegliarli che dir si voglia. Essi sono collegati al risveglio del potere serpentino quindi sono ancora inattivi, nel senso che non ‘frippano’ come dovrebbero.

    Un’altra causa del mal funzionamento dei chakra sono le densità, gli elemtari e le resistenze mentali che si accumulano nel vortice energetico. Immaginate di avere un campo di asteroidi all’interno del vortice di energia del chakra. Più densità ci sono più difficoltà avrà a girare. Il chakra non è ancora diventato un buco nero che ha la forza, la potenza e la luce per dissolvere il campo di asteroidi.

    Non a caso ho parlato di buchi neri. Una teoria molto in voga sostiene che i buchi neri sono porte dimensionali, passaggi per altre dimensioni energetiche. Ma non è forse lo stesso dei chakra? Esse infatti sono le Porte dalle quali usciamo, o meglio dalle quali la nostra essenza esce nello spazio astrale. Ma questa è un’altra storia.

    Carissimi finisco questa illetterata strana esposizione dicendo solo una cosa… SCHERZATE, RIDETE, GIOITE, CIOCATE, DIVERTITEVI, ED SOPRATTUTTO ALZATEVI DOPO OGNI DOLORE, ALZATEVI E CAMMINATE FIERAMENTE ALLA LUCE DEL SOLE PERCHE’ DENTRO DI VOI C’E’ DIO, UN DIO DA RISCOPRIRE, MA VERAMENTE PRESENTE DENTRO DI VOI CHE ASPETTA QUEL RISVEGLIO INTERIORE… In questo prezioso FARO CHE E’ IL CARISSIMO PROFESSORE GABRIELE C’E’ UNA PORTA DIMENSIONALE, C’E’ TANTA LUCE CHE ESCE DA OGNI PURO DELLA SUA BELLA ANIMA, BAGNATEVI E ASSAPORATE QUELLA RADIOSA ESTATICA LUCE COSI’ COME IO L’HO PERCEPITA SILENTAMENTE NEL MIO CUORE…..

    Scusandomi, per le lunghe strane sbullonate parole, m concedo AUGURANDO SENTITAMENTE UN BUON FINE SETTIMANA al Vostro Prezioso Cuore ed al Cuore dei Vostri Immensi Amori.

    (Siiiiiiiiiiiiii, domani, di sicuro farò un lungo bagno per accudire, frenare e rinfrescare il mio pazzo fumante saracino cervello, dopo di sicuro mangerò almeno 3 gelati (vi lascio immaginare il vero passionale motivo) che vi auguro di gustare anche voi)

  16. Cara Amalia, la tua è l’interpretazione della filosofia ermetica (presa in pieno 🙂 )

  17. 😎 parafrasando Carmen Consoli…non più Confusa e felice,bensì Ermetica e felice… 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...