L’ingiustizia

Chi commette un’ ingiustizia è sempre più infelice di quello che la subisce.

Platone

Annunci

34 Risposte

  1. ….non è che sono molto d’accordo…

    Saluti

  2. Stiamo parlando di una persona che nella sua vita ha gioito tanto quanto l’altra persona in questione ha sofferto… ? Per questo motivo chi dei due commette un’ingiustizia si procura un “credito” che fa muovere l’ago della bilancia paradossalmente a suo favore?

    Naturalmente scherzo su chi ha perso la propria coscienza, mentre si giocava ai dadi la vita di un altro.

  3. questa frase mi riporta al concetto junghiano in cui tutto accade senza cause ed effetti, e mi fa sentire leggera….
    è di grande consolazione…..però io volevo un consiglio personale dal vivo su kosa fare in rai e nn lho avuto.
    =_= sn molto ma mooOOooolto arrabbiata

  4. Chi commette ingiustizia è perso in un vortice,…da dove difficile gli viene,..”D’Uscirne”,!Perdendo in se quella speranza, vivendo in un pianto senza quasi più speranza, “ho detto Quasi”! Quindi nel tormento del suo essere…continua a commetter ingiustizie d’ogni genere, anche qualora ne soffrisse, come chi è perso, “È UN ESEMPIO”,…con se è nel suo male, dolore, ognuno vuol trascinare!!!! la mia chiave di lettura! Chi subisce, è già salvo d’amore, specie quando non reagisce con altrettanta vendetta!!! ma ne soffre per diverso Motivo!?

  5. Diverse, comunque sono le chiavi di lettura!?…. chi commette ingiustizia INGANNATO dal Presunto Potere, tanto dentro ha l’inganno, da non sentir più sofferenza,…essendo cosi anestetizzato Dal DEMONIO dello stesso che lo terra vivo senza più anima, fino…al giorno della chiusura dei giochi della vita! il “demonio ingannatore” lo abbandonerà, quindi pesanti saranno le montagne che sopra gli cadranno, è quegli attimi saranno infiniti!!!

  6. Buon Giorno Carissimo Prof.Gabriele,
    Un Radioso Buon Giorno a Tutti.
    Platone come tanti INIZIATI di ogni tempo ci riporta alla memoria quella legge universale di CAUSA EFFETTO… Nel nostro interiore sappiamo quando non agiamo con coscienza, ed anche se nell’esteriore il nostro orgoglio si manifesta, sfaldiamo il tessuto dei nostri sogni ed innalziamo ancor più tenebrosi veli che ci allontanano della nostra divina animica natura…. Ma prima o poi tutto trova spazio e contemplazione nel nostro essere soprattutto quando varchiamo la SOGLIA consapevolmente o per scadenza di contratto….

  7. BuonRadiosoGiorno a te, caro Raffaele

  8. Chi commette una ingiustizia spesso è più vittima di chi la subisce..pare una idea insensata,ma ..pensiamoci un po’ quante storie abbiamo letto di genitori che picchiano figli e che sono stati a loro volta vittime quando erano piccoli? O di furbi che fregano gli altri che alla spalle hanno subito la medesima sorte..Almeno io la frase di Platone l’ho interpretata così..

  9. Secondo me Platone “docet”!
    Chi commette torti, ingiustizie e quant’altro non potrà mai provare felicità e per di più prima o poi sarà ancha assalito dai sensi di colpa derivanti dalle sue cattive azioni…sarà un’amima dannata, in pena e piena di rimorsi per le sua malefatte.
    E infine mi associo ai pensieri di Giuseppe….
    Baci per tutti

  10. illuminanti …queste parole

  11. Magari fosse così… Ho conosciuto persone che di ingiustizie ne hanno commesse senza avere mai la minima titubanza o rimorso, stando benissimo con la loro coscienza, anzi calcolatori e ben consapevoli di quello che stavano facendo, sapendo che l’ azione da loro effettuata portava sè enormi vantaggi e agli altri dei danni. Dirò di più certe azioni per essere messe in atto andavano ben studiate e ci voleva anche una sottile malignità nel farle.
    Esiste certa gente senza scrupoli in grado di calpestare gli altri pur di raggiungere i suoi scopi e lo fa anche con nonchalance..
    Questa frase di Platone mi sembra più una ” consolazione” che la vittima vuole darsi, essendo in quel momento impotente e nel subire non può fare altro che augurarsi ciò, o almeno sperare che il suo ” carnefice” capisca il male che ha fatto e se ne penta.
    Poi ci saranno anche dei casi in cui chi compie l’ ingiustizia è realmente più infelice della vittima, ma ahime! Mi sa che questi casi non rappresentino la maggior parte delle situazioni.

  12. Anche il male vuol raggiungere il bene,..il suo EDEN!!,…ma lo fa dall’inferno…! rispondendo ad Amalia, si certo vi sono casi…di gente che è per quello che ha ricevuto! quindi vanno sempre…capiti!…dando questa chiave di lettura, di una lettera di Platone, la quale, può sembrare non centrare con questa riflessione! ma leggendola bene, allora, vi si troverà il nesso!?… PLATONE: ma io non ritengo neppure un bene per gli Uomini un tentativo di
    parlare intorno a queste cose(La suprema verità),se non ad alcuni pochi, che
    sono capaci a scoprirle da soli attraverso un piccolo accenno;quanto
    agli altri, o li riempirebbe in modo affatto inopportuno di un disprezzo
    non giusto , oppure di un’alta vana speranza, come se avessero imparato
    qualcosa di grande>>.

  13. Quello + furbo, frega il furbo! entrambi, fregano gli onesti d’animo!!!… alla fine, son sempre i primi a soffrirne…più degli altri!? chi commette ingiustizia, inoltre vive sempre in uno stato di paura continua,..pur continuando a commettere ingiustizie!! L’onesto, la sensibilità…soffre non tanto x il torto subito, quanto..per la condizione di diversità..di coscienza, quindi possibilità di pace!!! la sua domanda di dolore, pur sapendo, sarà sempre:PERCHÉ…???

  14. è più infelice perchè il suo cuore è turpe, conoscendo solo tornaconto materiale egli/ella perde l’anima.
    tempo fa descrissi “un fantasma” rimasto a casa di certe persone che poi dovettero andarsene da quella casa, proprio per quella presenza,in quella casa si seppe poi è morto un uomo attaccatissimo ai soldi, non mi piacerebbe dimorare in eterno tormento di ciò che in definitiva mi è di peso e non di guadagno.
    (intendo dire che essere attaccati a questa dimensione invece di evolvere al momento di dipartire è mica tanto simpatico)
    Però le mie piccole schifezze le faccio anch’io.
    Ammetterlo è già qualcosa.
    Non so, non so, ma mi scoccia vedere solo il male negli altri, alla fine è in me che lo vedo.Perchè riconoscere il “male” negli altri (non) è averlo in sè ?
    Cioè scoprire le turpitudini degli altri è un pò scoprire La Turpitudine , farne la conoscenza.
    E’ questo che mi fa più male, riconoscerla, conoscerla come più vi pare, io non voglio vivere in costante battaglia contro gli altri … sono pigra … sono come un gatto…piglio e mi arrotolo da un’altra parte…ed apprezzo le braccia solo di chi mi tratta bene.

  15. Certo che si, Map…chi è senza peccato scagli la prima Pietra…! infatti si parla degli altri che siamo noi! D’ accordissimo con te!!

  16. Ma c’è chi continuamente cerca..di cambiare,si può far soffrire…ma, senza commettere ingiustizie! spesso basta una diversa interpretazione delle cose, una diversa visione! io vedo cosa induce al male, non per forza quel che sono, ma quel potenziale che se non attento può attrarre…facilmente! certo è un continuo giorno dopo giorno modellarsi,…senza fine appunto perchè tutti sbasgliamo!!! il mio dentro non bello lo tengo per me…riparando di continuo ai piccoli Grandi errori a cui m’ induce. Dipende a quale ingiustizia, assistiamo!!…a mente fredda tutto giustifico comprendo, comprendendo me stesso, a mente calda…quando ripeto si assistono a certi soprusi…non è facile!!! sarà, che vivo in provincia di Reggio Calabria…dove le cose che accadono le vedi di continuo,…essendo una realtà piccola come territorio, ma Gigante come altri fattori!!!

  17. caro “Miajo”…ma dov’è il proffi?
    Mi manca.
    A quest’ora si sarebbero dovuti vedere tutti “i francobolli” suoi attaccati..invece non c’è..ma proffi dove sei?
    Questa sì che è un ingiustizia, mi collego e non ci sei.
    Mica posso stare attaccata tutta la giornata all’ADSL per leggere una briciolina…uff. Voglio crocchette al salmone.
    Caro Majo, mi sento Mjao .Scusami, oppure vieni con me a cacciare topolini.Li porteremo al prof.Troviamo qualcuno bello grassotello.

  18. QUELLI DI CAMPAGNA SONO ANCHE BUONI, “COSI DICONO”???…NON SO SE IL PROF..GRADISCE??….LO SO LE BRICIOLE NON SAZIANO…. FORSE METTENDOLE INSIEME…NE FAREMO UN PANETTO!? COMUNQUE….CERCASI PROOF…??? INTANTO TI MANDO UN SORRISO DI(3) PIENO NON SARÀ GRAN CHE, MA TE LO INVIO UGUALMENTE…. 😀 🙂 😉

  19. PERDONA (LO)… 😦

  20. Majo,ciao..allora sei tornato..! E Map…orfanella di proffi.. 🙂 per sentire i rimorsi di coscienza bisogna averne una di coscienza,e non è così diffusa come si potrebbe pensare,inoltre quel che sta passando è l’imitazione del furbo..come scrive Majo..cioè chi è furbo e frega gli altri insegna la “lezione” del fatevi furbi anche voi!

  21. Uff…Malì mi sento 1 schifezza … l’autostima sotto i tacchi da tip tap..ormai consunti..non mi và di ballare..neanche se arrivasse Fred Astaire mi alzerei..Majo quando parlo di gatti è perchè ne sto accudendo uno, siamesona d.o.c., che ama in particolare le crocchette al salmone, alcune persone in visita le hanno dato per sbaglio la sabbia (cristalli bianchi) per la “toilette” …ma come si fà???
    ……..
    Lo trovata affamatissima..
    te credo..
    ………..
    Si facciamoci furbi anzi furbissimi..che dico ignobili..tanto come diciamo noi ..quando muori non è che ti porti un’altra cassa con i tuoi beni appresso..qui TUTTO E’ IN PRESTITO.

  22. grazie majo picciottedduzzulettu mje (?si dice così?) nu vassille picceridde picceridde (bah’ forse è siciliano? per ora accontentati, quando ero nella pancia di mamma ero a Taormina, mi è rimasta l’affezzione al siciliano.)

  23. Cara Map, il sadismo….la stronzaggine…di alcune persone non conosce fogna!!! paragonarli alla “merda”, la quale se usata serve come letame…è come paragonarli, all’Oro! spero che il gatto o la gatta stia bene!!…trova, non il motivo x cui ballare, ma il ballo fallo diventare motivo! non mi giudicare uno che dà consigli facili,…ti comprendo! vorrei consigliarti un po di sana natura sedersi vicino ad un fiumiciattolo,…credimi spesso è un tocca sano!?… Amalia la furbizia di risposta ai FURBONI, è, quella d’imparare a riconoscerli, dicendo a se stesso..in ogni caso “le Azioni restano a chi li commette”!!! io mi sono sempre risposto sul cosa fa male delle furberie degli altri!..Ora inizio a soffrirne in modo diverso! quando mi capita mi butto come consigliavo ad Map…in mezzo alla natura …
    dove ritrovo il tutto!!! Certamente… una delle cose che capitano nel profonde è l’avvisare la lontananza fra le anime, quindi un sentirsi soli, derubati,..d’una meta….introvabile!!! la Natura É!!!

  24. Piccolo albero senza nome.
    Immerso, tra i giganti
    Abeti e Pini!
    Cercano i ramoscelli miei
    farsi spazio,
    giungere, alla luce.
    Vivo nelle ombre,
    al freddo D’altrui.
    Di quei giganti,
    prepotenti…!
    Ma,… un solo raggio
    basterà, per abbracciare
    il Sole tutto…
    coglierne, la Vita!!

  25. Fermate il blog!!! Map…ma a te chi diavolo ti ha detto che Malì è il mio soprannome?? Nessuno mi chiama Amalia…ma come diavolo ci sei arrivata,streghissima?????

  26. Majo..ah se hai ragione..ma a me personalmente quando uno fa una ingiustizia..mi dispiace ma sono presa dalla voglia di prenderlo a calci nel sedere. E non mi va di controllarmi,per poi saltare come una vecchia teiera..Sono una donna di statura minuta,timida ma se scopro uno forte che se la prende con uno più debole divento una lupara caricata,se poi trovo un imbecille che fa del male ad un animale,lo prenderei a ceffoni..sberloni con la mano aperta..Non mi ritiro in mezzo alla natura,perchè mi sembrerebbe di lasciare il campo libero a questi “affari che di umano hanno solo la parvenza..e sì sono criticabile perchè mi metto al loro livello..ma stare ai piani alti mentre sotto è una chiavica a cielo aperto non risolve granchè,meglio cominciare a fare qualcosa.. ..Fa tanto “Giustiziere della Notte..questo post,vero? 🙂

  27. ciao Amalia, 😀 io non intendevo ritirarsi in mezzo la natura…fregandosene del resto, era solo un consiglio per quando si sta un po cosi! Non credere che io non reagisca come ho scritto in un’altro post, ti assicuro che mi faccio rispettare! Però, non nego che dopo aver presole armi, aver combattuto, ugualmente ne soffro! quindi sento il bisogno di trovare quel bello, che altrimenti difficilmente,…ritroverei!, quindi l’ascolto del fiume a me serve in questi casi, dove trovo la natura sensata pur la dove sembra dura, mentre non riesco a comprendere la stupidità Nostra!!!

  28. è ovvio che tu ti chiami così
    t’immagino con ciglia folte dove nascondi i tuoi pensieri e guancine rosate e un cipiglio quando qualcosa non ti và..

  29. e ti danno fastidio gli anelli..(?)

  30. Ah…map parlavi a me? Le ciglia folte..no,ma sì al loro posto ho la frangia dove nascondo i pensieri..e sì non amo gli anelli..cioè mi s’ingrossano le dita quando li porto quindi..non porto neanche la fede al dito..

  31. Majo se è per cercare il bello e l’armonia allora sono assolutamente d’accordo con te..

  32. CIAO GIUSEPPE,PER CASO TU SEI SU FACEBOOK<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<FAMMELO SAPERE CIAO

  33. questo sito e molto beatiful …l-ingiustiia e vera solo se questa non e per il bene….hallo

  34. ciaoooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo….{sono lucia scherzetto}…..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...