POESIA – Cosa è Poesia e come si esprime

La lettera di Alessandro D’Angelo mi permette di parlare della POIESIS:

F I L O S O F I A E P O E S I A.

Proprio perchè spesso ripeti nelle trasmissioni che bisogna parlare di poesia, solo di poesia, ti porto a conoscenza di una mia riflessione sul valore del poetare “Antico” e “Moderno” nata dopo discussioni avute con un amico circa il reale valore di “Poesia”. Questi asseriva che la “Vera poesia” è solo quella del Leopardi, del Carducci, del Torquato Tasso… Inoltre, ribatteva che le poesie senza rima non sono vere poesie. Era il 1978: fu allora che la sua certezza risvegliò in me il desiderio di chiarire dove era la verità. Oggi, dopo tanti anni, è interessante conoscere il tuo parere e quello degli amici del Blog. […]

Sei d’accordo con questa analisi?
Cordiali Saluti da
Alessandro D’Angelo -Roma – Italia –

Caro Alessandro,
la Poesia è Trascendenza. Comunque si esprime, certo, la “tecnica” espressiva è importante, ma la “FORMA” non è unica. L’espressione, ovvero la manifestazione, dipende dai gusti e dallo spazio-tempo. L’ISPIRAZIONE è sulla dimensione altra.

20 Risposte

  1. Gentile Alessandro,

    “…i poeti di valore, non è assolutamente per effetto della loro arte, ma perché sono ispirati e posseduti da un dio che danno vita a tutti i loro bei poemi…” (Platone, Ione)

    Io la penso così…”Varrebbe la pena di vivere una vita intera solo per leggere un verso di Saffo…”

    Saluti!

  2. Io scrivo poesie e conosco molte persone che le scrivono, non mi piaccono particolarmente i poeti italiani, come dice anche Gabriele la poesia sia nel scriverla, nel comprenderla che nell’amarla, dipende dai gusti, soprattutto dall’ispirazione, ancor di più dalla natura interiore di chi scrive o chi la legge.
    Se uno fa una panorama della poesia in generale, quella dei poeti imèportanti, si può constatare la varietà di stile, contenuti e così via.

    Io personalmente ho compreso cosa sia veramente la poesia innamorandomi di un genere di poesia, quella del periodo del romanticismo tedesco e inglese.

    pubblico queste due poesie come nel 2007 concepivo il poeta e la poesia.

    Il vero poeta

    Un poeta per essere un “vero poeta”
    Spesso ha una vita tribolata
    E’ di umore malinconico o all’estremo stravagante e irrazionale.
    Spesso ama di più l’ideale dell’amato, della vita, dell’arte.
    Spesso non gli piace avere padroni e cercare padroni.
    Spesso ama la natura, l’amore, Dio e l’arte in genere.
    Certe volte idealizza e sublimizza l’amore e la morte
    perché di entrambi ne ha paura, ma al tempo stesso le ama.
    Spesso ama la libertà perché ne ha avuta poca.
    Certe volte viene riconosciuto come un grande poeta
    dopo che dipartito.
    Chi si accinge a voler essere poeta o chi è già un poeta
    e non si crede tale, … se ha in se tre o quattro di queste cose descritte,
    allora è un vero poeta.

    ……………………………………..
    Declino

    Quei poeti furono condotti
    quasi trascinati nei campi Elisei,
    perché ormai nell’epoca moderna,
    non c’è più niente da romanticizzare,
    niente per poter scrivere la realtà.
    E’ come quando un poeta romantico
    non ha una donna da amare,
    non ha ispirazione per scrivere sull’amore.
    E’ come quando un vecchio poeta
    non ha più niente da raccontare.
    ———————————————–

  3. Signor La Porta,seguo sempre il suo passaggio notturno,essendo un insonne.,e di conseguenza sono un suo estimatore.Mi chiedevo come potrei mandarle del mio materiale letterario (liriche,poesie),essendo io un giovane poeta,molto stimato del nord est.o provato a cercare nel blog un indirizzo di posta,ma con scarso risultato.Glie ne sarei davvero grato.Ho lasciato la mia mail per ricevere informazioni.colgo l’occasione per ringraziarla a nome di tutti i giovani poeti,che come me,non vogliono altro che un pezzetto di cielo,anche annuvolato,per poter volare.Saluti,Oscar Cacace.

  4. Caro Oscar,
    puoi spedirmi le tue composizioni a anima@rai.it, oppure a rainotte@rai.it.
    Grazie. A presto!

  5. la ringrazio molto….non manchero’.

  6. Carissimo Professore, molte volte mia musa di immagini e parole che intersecandosi danno origine a splendori ..che coincidenza..
    proprio oggi l’ispirazione ha bussato ed io ho aperto…

    “Non esiste forma d’ispirazione più alta di quella che aleggia attorno all’alone di mistero che abbraccia l’ignoto.
    La forza di un’attrazione non è dovuta alla mescolanza degli elementi ma alla fantasia dell’astratta mescolanza”.

    La tecnica caro professore credo che non saprò mai cosa sia e se devo essere sincera le rime non mi attraggono per niente, sono altre le cose che nella poesia devono essere baciate.

    Nel frattempo..un bacio a lei.

  7. Credo che l’esistenza imponga un continuo processo di crescita e che questo debba essere facilitato. La filosofia o il sentire del cuore possono aiutare ad osservare la propria anima e il suo stare nel mondo. Credo che questo sia ancora la poesia assieme a tutto il lavorio che si opera sulla lingua, sui suoni e significati per rendere fedele l’espressione al pensiero, al sentire. Mi lascia perplessa però la autoreferenzialità di una certa poesia contemporanea concentrata talmente tanto sul proprio valore “poetico” da risultare assolutamente narcisistica (G.Panella). Trovo molto “poetica” , per contrario, l’ espressività nascosta , sconosciuta che probabilmente sarà solo il tempo a valorizzare. ” Ho scritto poco e vorrei avere scritto ancora meno” Cristina Campo…una meraviglia.
    Buona giornata.

  8. Cara Marinella,
    grazie del tuo contributo. Hai ragione. A presto!

  9. Cara Calliope,
    hai ragione, “la trama nascosta è più forte di quella manifesta”… anche se la tecnica aiuta a facilitare il “messaggio”. Un abbraccio. A presto!

  10. Rispondo ad Alessandro e giacchè mi concedo e gli concedo – anche io – una narcisistica occasione per comparire (Dirige naturalmente il nostro professore e a lui affido questa “perla” del mio repertorio migliore! Se non avessi elaborato la mia rabbia in versi, chissà cosa sarebbe volato… )
    Compivo quarant’anni e mi rapì improvviso il demone… al ritmo di una pizzica. Il LA mi fu offerto da Lorenzo (de’ Medici); lui cantava ” Quant’è bella giovinezza, che si fugge tuttavia! Chi vuol essere lieto, sia: Di doman non c’è certezza” Ed io cominciavo…

    Siamo al fine qui riuniti
    per poter commemorare
    la chiusura di una vita
    e i bilanci da scordare.

    I miei primi quarant’anni
    sono tanti, sono andati,
    ma a pensarci, che so’ scema,
    non li avrei mai festeggiati.

    Se non fosse per voi amici,
    compagni del tempo bello e del tempo brutto,
    che mi dite “mo fatichi…
    noi mangiamo e tu paghi tutto…”

    Quà vi voglio, beneamati,
    decidiamo se la pizza fa felici i convenuti,
    se la frisa, un buon bollito,
    o se ci tocca tornar da mio marito;

    Che m’ha detto l’altra mattina
    “che ci vuole, mogliettina?
    2 o 3 cozze, un pentolone,
    se mi scappa un polpettone…

    Io mi aggrappo alla cucina,
    tu, mia amata caciottina,
    prendi il sedano e poi l’aglio
    dentro il frigo non ci “coio”!

    Giacchè faccio una frittata,
    con asparagi e pancetta,
    tu che sei la festeggiata
    sbuccia, tritura, affetta…

    “Altolà mio sfruttatore,
    e amorevole signore,
    se a quaranta son Nessuno,
    figuriamoci a quarantuno

    Ed allora mi son detta
    ” Bella mia, presto, fa in fretta;
    tu stasera andrai a brillare,
    ora vatti ad accertare
    se Renato ha travasato
    quel buon bianco o quel rosato…

    Ma che dico, questo o quello
    io mi faccio un “bambinello” (nome di un vino novello locale);
    c’ho quaranta, scusate se è poco
    sarà meglio di quel cuoco.

    Ecco perchè questa sera senza cozze e senza luna,
    cari convenuti, io abbraccio la fortuna
    solo prego senza remore, ne’ fronzoli
    Dio, fa che non ceda…
    ovvero che non (gli) ciondoli!

    Ed in fine;
    dopo aver dato una botta al tappo
    ed una al marito
    felicemente canto: il piatto vi è servito!

    Baci

  11. Professore mi attrae da impazzire la trama nascosta sia che io la trovi leggendola sia che io la esprima scrivendola.
    Del resto da sempre i simboli, l’ermetismo fanno scattare quel qualcosa che in apparenza in contraddizione ci incamminano sul giusto messaggio.
    Se il messaggio è troppo semplice da capire non c’è il “gusto” del “sacrificio”, del “dolore”.
    Credo che solo “appropriandosi” di una poesia se ne possa carpire il messaggio e diventarne i poeti erranti dei versi.

  12. La poesia non si inventa, nasce da sola e noi siamo i tramiti tra anima ed umano..penso.

    baci

  13. Baci a te, carissima Valeria!

  14. Giustissimo, Calliope!
    Un abbraccio!

  15. Cara Calliope,
    sei allora con l’Oscuro… Baci baci

  16. Cara Mary,
    grazie del tuo DONO. A presto!

  17. il mio sentire poetico per te , caro Gabriele ……..grazie ,baci
    Maria

    ποιεσις

    Eternità sempre in movimento
    vita senza scampo
    un cammino
    viaggio esodale verso l’oltre
    che non conosce facili approdi
    o luoghi geografici precisi
    in cui lo spirito inquieto
    possa riposare
    Ma è cammino
    che non conosce
    alcuna terra promessa
    vive
    e annuncia un luogo
    che nessuno conosce
    con la dolce inquietudine
    e la ruvida speranza
    del nulla
    E’ incedere che mai si rassegna
    alla sconfitta
    eppure la sconfitta
    è’ il suo unico destino.
    Ha più voci
    nello strazio
    della carne
    alle prese con il quotidiano
    vivere
    nelle sue pieghe
    si ascolta il canto del mistero
    che sempre provoca stupore
    Navigare senza approdo
    peregrinare nel deserto
    lotta a viso aperto
    che ingaggia
    in ogni grumo
    dell’anima screziata
    dolce amata
    ma essere vento
    essere ovunque
    essere niente

    Mistero che non mente
    Eternità -amore

    Così il tempo non ha alcun diritto
    Di seppellire
    L’amore che ancora nutre
    Si è mai visto un amore
    Che non si nutre anche di dolore

  18. AVEVO DIECI ANNI,QUANDO
    LANCIAI IL MIO CUORE AL MONDO.
    UN CUORE,PIENO DI TENERE SPERANZE,
    MA MANI D’ARPIA, NASCOSTE IN UNA CAREZZA
    TENTARONO CON MATITE ROSSE,DI CANCELLARE
    LE MIE PAROLE ,MA ERA TALE LA PUREZZA,
    DELLA MIA LIRA, DA SCONFIGGERE QUELLE MANI
    ADUNCHE.IN RISPOSTA A QUEL SIGNORE,CHE ASSERIVA,CHE ,PER MANCANZA DI RIMA,L’ODIERNA
    POESIA, NON PUO ‘ DEFINIRSI TALE.IO GLI RISPONDO…
    MA A CHE VALE,UN POEMA GONFIO DI RIME,
    E POI ALLA FINE,SCOPRIRE,CHE L’AUTORE
    SCOPINO,SI SERVIVA DEL RIMARIO,UN PICCOLO
    VOLUMETTO PER IL SUO VERSEGGIARE.?lVI PREGO SIGNORI.LASCIATELA VOLARE QUESTA
    NOSTRA CREATURA,CHE ALLA FIN FINE.ANCHE LA PROSA,SE BEN ESPRESSA,SI APRIRA’ COME LA ROSA A MAGGIO,DAVANTI AL LETTORE, CURIOSO
    DI SENTIRE I VARI PROFUMI.VI PREGO SIATE GIARDINIERI DEI NOSTRI SOGNI VERTICALI…
    ——————————GINA TOTA.RISPOSTA. 30.AGOSTO.2010

  19. Carissimo Gabriele, ti sono grato per il modo ed il tempo che dedichi alla diffusione e sensibilizzazione alla “poesia”.
    Per questo ti metto al corrente che esiste una vastissima schiera di poeti ed appassionati che si incontra su Facebook. Una comunità che cresce oltre che in quantità anche in qualità.
    Sarebbe veramente proficuo un tuo incontro virtuale con questa comunità. Basta spulciare in un qualsiasi profilo per farsi un idea di quanto è vasto il fenomeno, magari anche dal mio contatto che compare con il mio nome.
    Inoltre insieme ad una amica appassionata di poesia collaboro ad un blog che seleziona settimanalmente un testo da FB ed uno classico proponendoli ai commenti dei lettori. Ti allego l’indirizzo web.
    Nel rinnovarti la stima e l’ammirazione ti saluto affetuosamente.

    Massimo Imperato

    http://perquelchemiriguardapoesieeracconti.blogspot.com/

  20. Caro Massimo, prima di tutto grazie per il consiglio e, nello specifico, volevo chiederti di essere proprio tu a proporci qui, le liriche che ritieni più meritevoli (una alla volta). Grazie ancora. Gabriele

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...