Nella specializzazione si può nascondere un’ossessione

Credo nella unitarietà della SOPHIA. Non gradisco le specializzazioni e i compartimenti stagni. Apprezzo l’osmosi e la fluidità.
Se “un” sapere non trova il modo di interagire con “un altro” sapere, allora non erano sapienza né l’uno né l’altro.
Lascio volentieri ai puntigliosi i loro recinti e fili spinati.
Preferisco sognare l’Uno emanante. E avvertire il creato come “ricolmo di gioia” (Marsilio Ficino).

6 Risposte

  1. E poi perchè negarsi prospettive o non voler vedere porzioni di mondo e di vita? eppure oggi mi sembra che si vada un po’in direzione opposta: lodi al campione del mondo di punto-croce.

  2. Gent.mo Gabriele,
    ultimamente mi stavo interessando a fare una ricerca sulla “Mistica” da uno spunto preso da un programma della rai, poiché in passato non trovavo materiale su questo tema, ma questa volta ne ho trovato molto, però dopo aver capito che quello della “mistica” è uno di quei temi che non piace molto ai “conservatori” (scoprendo che c’erano dei pregiudizi sulle donne nel passato e su questa tematica).

    Nella ricerca ho trovato del materiale di Dionigi Aereopagita, che però con le note di chi aveva pubblicato questo materiale. Ne ho recensito il materiale, ma scoprendo che sia le teorie di Dionigi che dell’autore delle note, sembrava di più essere fermi al “medioevo”, invece di progredire il pensiero umano, invece indietreggia fossilizzandosi solo su una versione (negativa che alla fine si arriva al nulla).

    (In riferimento all’Uno, al Dio assoluto ecc. E’ molto migliore il pensiero di Aistotele, Plotino, ecc.).

    Per caso una domenica notte accendendo la TV, avevo appena visto il finale del vosto programma, quando parlavate del Dio e cose simili,
    ..con una visione aperta che evolve, come lo era Aristotele, ..come la penso io.

  3. Beh, caro Sullerive,
    le lodi possiamo e dobbiamo darle a tutti quelli che ne hanno bisogno. Anzi, a profusione.

  4. Cara Mary,
    Bene. Bene.

    (E tieni conto che mi considero un neoplatonico, che ama Avicenna e adora Ibn Arabi’ e venera Jung e Giordano Bruno e… e… e…)

    A presto!

  5. Ieri ho incominciato a leggere il libro “L’uomo e i suoi simboli” di Jung e i suoi collaboratori.

    Leggendo l’introduzione, il coordinatore del libro accentua il fatto di aver desiderato di fare questo libro facendolo diventare più accessibile possibile a tutti, poiché secondo lui le teorie di Jung non erano indirizzate al grande pubblico.
    Jung all’inizio rifiutò, ma poi cambiò idea.

    Questo fatto della semplificazione mi ha fatto rimanere perplessa.

    anche solo per il fatto che l’inconscio di certo non si fa semplificare.

    Un pò di anni fa proprio in un sogno, l’inconscio mi fece capire di leggere un libro di Jung sull’inconscio che avevo dimenticato nella mia librearia.!!!

    Pochi giorni fa ho finito di leggere il libro “Sincronicità” su Jung e Pauli in cui unirono le loro teorie.

    Credo che Jung abbia avuto un Inconscio eccezzionale se era riuscito ad indirizzare le sue teorie verso tante direzioni.

  6. Cara Mary,
    Jung era un Sapiente. Cosi’ credo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...