Nell’Interiorità di Anima — “Immagine”

Immagine (1)

È l’immagine che rende possibile l’impossibile.

José Letama Lima, citato in Rafael López-Pedraza, Apprendere dall’arte, in AA.VV., Anima – Per nascosti sentieri, Moretti e Vitali, 2001, pag. 37

Immagine (2)

Se, come diceva Jung, “ogni processo psichico è un’immagine e un immaginare”, allora la stoffa di cui è fatta l’anima è l’immagine…

Noel Cobb, Maestri per l’anima, Moretti e Vitali, 1999, pag. 70

Immagine (3)

… L’immagine non è ciò che vediamo, ma il modo in cui vediamo.

Noel Cobb, Maestri per l’anima, Moretti e Vitali, 1999, pag. 70

Immagine (4)

… Un’immagine non è un contenuto che vediamo, ma un modo in cui vediamo. Possiamo vedere le illustrazioni come immagini, e una pellicola cinematografica può essere immaginata e diventare un’immagine; ma queste immagini restano di solito legate alla visualità in cui sono apparse per la prima volta. Le parole-immagini, invece, sono proprietà immediata dell’immaginazione, che può a sua volta visualizzarle (come visualizzando scene di musica, o i volti di personaggi letterari, o gli ambienti di un romanzo); ma l’essenza delle parole-immagini è che esse sono libere dal mondo percettibile, e da esso liberano.

James Hillman, Le storie che curano, Raffaello Cortina, 1984, pag. 60

7 Risposte

  1. Sull’immaginazione ci sarebbe proprio da farci un trattato intero ma le citazioni da lei poste orientano nel pieno dell’interpretazione della parola stessa e da ciò che io penso dell’immagine.
    jung..bhè che dire, la ringrazio di regalarmi queste perle, frammenti di un filosofo di cui conoscevo solo l’esistenza ma non l’essenza.
    Distinguo sempre l’immagine-immagine e l’immagine-parole ma alla fine mi accorgo che la meta alla quale giungo è sempre la stessa: ciò che scatenano dentro di me, nella mia anima come in un vortice dal quale vengo intrappolata. Leggo un libro e l’immedesimazione è forte, con quella figura che ritengo o immagino somigliarmi. L’immaginazione è un miele profuso nella mia anima di cui non posso fare a meno che mi prende e mi avvolge dove spazio e tempo non sono altro che ingredienti marginali. Oltre ad essere il modo in cui vediamo, l’immagine è per me quel sottile confine tra l’immaginario e l’immaginato, quasi fossero in combutta tra loro. Il percepire un’immagine è differente per ognuno proprio si trattasse quasi di un personale scrigno segreto di cui solo noi abbiamo le chiavi.
    Che dirle Gabriele, qui nel suo blog mi sento una tirocinante dell’anima e faccio “prove tecniche di trasmissione della mia anima sempre in onda” per scoprire e scoprirmi e nell’imprevedibilità dell’immaginazione di un’immagine proposta..io corro ed afferro.
    Grazie ed una domenica nell’interiorità di psiche con quel “pizzico” di inconscio e magia quale è lei.
    (mi scusi se son lunga..non vorrei mai rubarle del tempo ma essendo relatività ( ^_^ ) ne approfitto sempre per varcare le mie dimensioni spazio-temporali, trasportandola con me).
    Un abbraccio.
    Attendo sempre con gioia i suoi spazi televisivi..a presto.

  2. Caro Gabriele, vorrei un accenno sulle teorie della filosofia,

    in breve
    1)sulla realtà esteriore che vediamo, naturale e umana non è quella reale, ma è quello che noi immaginiamo.
    O sulle cose che esistono, “esistono perché noi le pensiamo”.

  3. cara Calliope, leggere le tue lettere credo sia una buona cosa sia per me che per tutte le presone che frequentano questo blog. mi sembra si stia realizzando il mio Sogno di partenza; in uno spazio di anima, tutti i partecipanti si anima. buon giorno di luna. baci

  4. cara MAria, in effetti sono venuto poche volte nel Gargano, tranne che in vacanze e considero Baia delle Zagare un vero incanto. qualora mi capiterà l’occasione, accetterò di buon grado. quello che noi immaginiamo è una nostra fantasia o una percezione dell’esterno interiorizzata. ho avuto già modo di dire che la vera Immaginazione è quella delle deonne e degli uomini Sapienti: pensano, vedono e creano in simultanea. credo fermamente alla donazione anche a delle persone insopportabilmente noiose ed aggressive, mantenersi calmi e non rispondere a controtono è una grande conquista. baci

  5. Baia delle Zagare si trova vicino al mio paese.

  6. cara MAria, qual è il tuo paese? non mi ricordo se me lo hai già scritto. mi piace figurarmi il luogo dove abitano le persone con cui sono in contatto. g.

  7. Buongiorno…
    la seguivo…non sempre…perchè impossibilitata dagli orari…per caso oggi trovo che ha un blog…niente di più fantastico poter interagire…fra anime…
    Dentro di noi come fotogrammi sono contenuti i ricordi…sono queste le immagini che riportano in vita le persone…scomparse…dimenticate..racchiuse in un cassetto della nostra anima…ma per rendere possibile l’impossibile ci vuole una sensibilità particolare che i molti non posseggono… chi oltremodo è sensibile viene considerato un folle…ma non è forse in un pizzico di follia la vera essenza della vita? Anastasia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...