Al cinema con Gabriele La Porta

Ho visto di recente “Nessuna verità”, un film di Ridley Scott con Leonardo Di Caprio e Russel Crowe… e dopo venticinque minuti, al massimo, sono uscito dalla sala cinematografica perché non ne posso più di vedere una pellicola in cui, anche se sotto forma di denuncia, si vedono scene di tortura, una dietro l’altra, insopportabili! E parole come la “fabbrica delle unghie”, usate per identificare un palazzo dove queste venivano strappate a tutti, sono cose che secondo me fanno malissimo! Non è vero che fanno da monito, non è vero che fanno soltanto orrore: in menti oscure queste fanno invece da sprone. E io credo che i videogiochi violenti, i film violenti, i telefilm violenti, la televisione violenta, i mass media violenti procurino violenza, e quindi non meravigliamoci se i giovani di sedici-diciotto anni pensano di bruciare qualcuno, come è successo a Rimini, per “divertirsi” e anche perché “non sapevano che fare”. È evidente che le cose sono allacciate. C’è troppo compiacimento in questi film. Secondo me, quindi, questo film non va assolutamente visto!

L’altra pellicola, che a mio modestissimo avviso bisogna evitare come la peste bubbonica, è “Disaster Movie”, un prontuario di volgarità e nefandezze senza limiti. Non sono affatto moralista, tutt’altro, anzi credo di essere una persona trasgressiva, ma in questo caso quando si vede una mamma che balla sulla pancia per poi avere una sorta di aborto spontaneo e la placenta schizza per tutta la sala, mi dovete spiegare perché questo dovrebbe essere divertente. Tutti ridono purtroppo, perché siamo, ormai, abituati alle efferatezze e a ridere di cose ignobili! E sono proprie queste le brutture da cui dovremmo distanziarci.

Consiglio invece vivamente, per chi ancora non abbia avuto il piacere, “Wall-e”, cartone animato della Disney Pixar. È una bellissima storia d’amore… e poi fatemi sapere se negli ultimi quindici minuti riuscirete a trattenere le lacrime.

Tornerò spesso a parlare di cinema perché sono un appassionato.

Annunci

8 Risposte

  1. Caro Gabriele, ho letto con attenzione questo tuo ultimo post che mi trova d’accordo in buona sostanza, ma il caso vuole che giusto giovedi scorso, in diretta su rai 2, ebbi uno scambio non gentilissimo con Don Aldo da Rimini che tendeva, a mio avviso pericolosamete in quel contesto, quasi ad “assolvere”, e non solo cristianamente, o perlomeno giustificare i quattro balordi che, per puro divertimento hanno tentato di dar fuoco al povero signor Andrea Severi. Ora, da laico a laico, ti do tutte le ragioni del mondo: il bombardamento massiccio che arriva, non solo dalla televisione, ma anche da cinema, play station e bassa letteratura è devastante, ma , lì per lì, quando ho sentito un sacerdote cattolico affermare che l’imput a bruciare il prossimo fosse sgorgato dai media… bene, mi sono sentito in dovere di rammentargli che “a insegnare a bruciare il diverso ci avevano pensato loro e non il cinema”.
    La violenza ha un suo linguaggio, con il quale uomini di pace, come noi, devono fare i conti.
    “La violenza è al di sopra di tutto” esclamò un giorno, lasciando una platea di monaci allibiti, il maestro zen Fausto Taiten Guareschi.
    Sono provocazioni intellettuali su cui riflettere.
    Proprio perchè detestiamo la violenza, in ogni sua forma, proprio perchè non vorremmo mai che ci appartenesse.
    Con tutto il bene del mondo caro Gabriele.
    E stima, tanta, per tutto quello che fai, che spero tu lo faccia per te, ma che inesorabilmente si riflette su tutti noi.
    Un caro abbraccio a te e redazione.
    Andrea Villani

  2. Consiglierei l’ultimo film di Clint Eastwood, tra l’altro già registra di Mistic River e A Millior Dollar Baby. Changelling è ben recitato e scorrevole: una buona ricostruzione dell’America degli anni Venti, una denuncia contro i soprusi del potere e, inoltre, vi è un’interessantissimo spaccato degli ospedali psichiatrici di quegli anni!
    Ciao Gabriele! Ho preso nota dei tuoi suggerimenti!

  3. Cara Sarah,
    è vero, il film è molto bello! Mi permetto di consigliarti un piccolo capolavoro, “Wall-e”. Una storia d’amore veramente commovente…
    Un affettuoso saluto!

  4. Io avev visto Wall-e, tremandamente bello, quanto tremandamente triste…

    un altro film d animazione che mi ha fatto venire
    un nodo alla gola, in punto del fil del tutto imprevisto, che non mi aspettavo è stato:

    Leafie una storia d amore

    oltre tutto un film visto per caso, da cui non mi aspettavo niente di che e invece, mi ha sorpreso..

  5. Film con immagini “forti” che mi venono in mente:

    La Passione di Cristo e più recente
    Django

    “forti” se così possiamo definirli…

  6. Gabriele, visto che anche a me piace il cinema,
    se quando ti andrà e vorrai segnalare qualcosa da dire su questo argomento, di scriverci un post,
    io lo leggerò volentieri…

    Ti saluto di nuovo anche qua,
    in quest altro post!

    😀

  7. Certo Melusina, con piacere….. 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...