Gabriele La Porta al Tg2

Domani, 6 novembre 2008, il Prof. La Porta sarà ospite del Tg2 alle ore 10:00, dove presenterà il suo ultimo libro.

Annunci

5 Risposte

  1. Gent.mo professore,
    la mattina di domenica 23 u.s. ho assistito alla sua trasmissione, nella quale ha letto una lettera, pubblicata sulla rivista Vanity Fair , che una mamma ha dedicato al proprio figlio disabile. La sarei veramente grato se mi desse qualche indicazione su come poter reperire quel magnifico scritto che giustamente lei ha definito come un momento di alta poesia.
    grazie
    Michele Marongiu

  2. c’e’ un’Annuncio nel tuo nome ed un Ingresso nel tuo cognome (gabriele la porta) , il massimo per varcare..ed anchio voglio farti entrare in una mia poesia e ti ri-annuncio il mio nome sono francesco castellano (ti ricordi l’anima mundi..)
    grazie per leggermi ,con vero affetto

    Le parole
    esalano sapori
    suggestivi
    profondi
    diffusi ai nostri corpi
    in mistici respiri
    dove la pronuncia
    piu’ volte ripetuta
    diviene suono
    in tutto il suo essere
    Vivente
    innalzando archi d’eterno
    e colonne
    sacre come inni
    dove
    consapevolezze sconosciute
    ci rimandano
    a nature infinite
    e noi vaghiamo
    zingari
    nelle terre emerse
    lontani
    da ogni livello
    di lettura

  3. Grazie Francesco per questa tua nuova poesia.
    E’ davvero un respiro d’eterno,
    una parola che si distende sull’Anima,
    permeandola.
    Continua ad inviarmi le tue poesie!
    Con affetto e stima.

    G. La Porta

  4. Caro gabriele t’invio un altra poesia. spero di non approfittare della tua cura nel rispondermi con parole di stima . vorrei poterti incontrare “oltre le righe”

    mostraci
    una luna piena
    per i nostri lupi
    un bagliore splendente
    e un sacro monte
    su cui salire

    dacci un’ala piumata
    per seguire il vento
    mentre partiamo
    nella lunga
    notte migrante
    trainati
    da carovane di stelle

    Svelaci la parola
    e l’ultima orma
    del tuo piede sinistro
    nel segreto
    della nostra solitudine
    nel sentiero
    che ci attraversa dentro
    mentre viaggiamo
    nella rotta misteriosa
    liberando i nostri spiriti
    nel caldo torpore dell’estate

    Dai forza
    al nostro passaggio
    e al nostro trasporto
    e facci da scudo
    alla tempesta
    nella profondità
    della passione

    e lasciaci varcare la paura
    con selle coraggiose
    avvicinandoci
    all’altro sentire
    con una nuova consapevolezza

  5. Caro Francesco,
    ribadisco il mio giudizio. Nei tuoi scritti sento la presenza degli DEI.
    Ti ricordo che noi siamo “tò en emin teò,” il Dio che ci respira dentro.
    Continua a condividere con noi le tue emozioni, un affettuoso saluto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...