Venite con me e Dioniso a MythosLogos 2014

MythosLogos

rassegna sulla sapienza, la filosofia, l’arte e la cultura dell’antichità greco-romana.
Prima edizione.
Direzione artistica e organizzazione di Angelo Tonelli

 

Nel vasto panorama delle rassegne culturali nazionali si ravvisa un vuoto relativo alla grande tradizione greca e latina, che è il fondamento di ogni rigoroso discorso intorno alla filosofia, la poesia, la scienza, l’arte e così via. Per questo a Lerici, nei giorni 21-27 luglio 2014 verrà realizzato Mythos/Logos, Rassegna sulla sapienza, la filosofia, l’arte e al cultura dell’antichità greco-romana. La Direzione Artistica, l’ideazione e l’organizzazione sono a cura di Angelo Tonelli, uno dei massimi grecisti viventi. Io sarò in questi meravigliosi luoghi il 25 luglio, dove alle 21:30 terrò una la lectio Deus absconditus, ovvero l’irresistibile permanenza di Dioniso”. Non perdete l’occasione di godere di questi eventi realmente straordinari in una cornice fuori dall’ordinario. 

 

Dal 20 al 27 luglio Lerici, perla del Golfo dei Poeti, farà da adeguata cornice alla prima edizione di MythosLogos, rassegna sulla Sapienza, la filosofia, l’arte e al cultura dell’antichità greco-romana. L’ideazione, la direzione artistica e l’organizzazione sono  di Angelo Tonelli, uno dei massimi gecisti viventi, già autore della monumentale edizione Bompiani di tutte le tragedie greche. L’evento, patrocinato tra gli altri dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo, dall’Ambasciata di Grecia a Roma, dall’Assessorato alla Cultura della Città di Lerici e dalla Asscociazione Arthena, annovera tra le molteplici adesioni quella dell’Archivio Giorgio Colli, di Marsilio e Tallone Editore, della Federazione delle Comunità e  Confraternite Greche in Italia, Nell’arco di 8 giorni (e un preludio il 19 luglio alle 18 con la Compagnia Teatro Iniziatico che metterà in scena  Troiane di Euripide in montagna, alle falde del Monte Sagro, sopra le cave di marmo di Carrara), e con una media di tre eventi al giorno, ambientati nel Lungomare e nel Castello di Lerici e San Terenzo, e a Tellaro, si alterneranno lectiones magistrales di Umberto Galimberti (23 luglio ore 21.30), Gabriele La Porta (25 luglio ore 21. 30), Valerio Meattini (21 luglio ore 21.30), Caterina Barone (22 luglio ore 21.30, sulla donna nella tragedia greca e nella letteratura moderna, con interventi dell’attrice Susanna Salvi), Giuseppe Conte (27 luglio ore 1830), Tomaso Kemeny (24 luglio ore 2130); simposi sulla presenza di vestigia romane nel Golfo (21 e 22 luglio ore 1830), e visite guidate alle medesime (21 luglio ore 8.45), lo sbarco poetico con trampolieri e musicisti degli Argonauti dedicato alla lirica greca (24 luglio ore 2130), la tragedia in piazza, con la messa in scena di Troiane di Euripide (27 luglio ore 2130), e una Notte Greca, Hellenomania, il 26 luglio ore 2130, con il grande concerto di sirtaki e rebetikon degli Evi Evan, la proiezione in grande scala di templi e statue elleniche sulla facciata del castello San Giorgio, stand con degustazioni gratuite alla Rotonda dei giardini e in Piazza Garibaldi,  di cibi e bevande greche, magnogreche e dell’area di Luni, allietate nell’ora dell’aperitivo da melodie greche e balcaniche per la fisarmonica di Nicola Rinaldo. Durante gli otto giorni  della manifestazione i bar e i ristoranti di Lerici realizzzeranno menu tipici greci, tra modernità e tradizione, e quindici artisti figurativi dissemineranno loro installazioni nel lungomare e nei castelli, mentre alcune librerie di Lerici, Sarzana e La Spezia dedicheranno uno stand espositivo, MythosLogos Libri, ai classici greci e latini.Tra gli eventi, vale la pena segnalare la mostra di Tallone Editore che si inaugura al castello di Lerici il 21 luglio alle ore 18, con esposizione di testi composti con caratteri greci e latini, l’occupazione simbolica del castello di San Terenzo da parte della Compagnia Teatro Iniziatico (20-27 luglio, a cura di Susanna Salvi e Antonietta Grassi), che realizzerà una mostra sul proprio lavoro più che decennale di messa in  scena delle tragedie greche, ospitando i rari e imperdibili filmati RAI di Marco Colli, L’uovo d’argento, dedicati alla vistiazione dei siti archeologici magnogreci da parte di una coppia di aristocratici inglesi e intercalati da brani tratti dalle opere di Giorgio Colli; la presentazione a Tellaro, il 25 luglio alle 18.30 degli Atti del Convegno Il giovane Colli (Agorà edizioni) con interventi di Marco Colli, Valerio Meattini  e altri allievi e familiari di Giorgio e Enrico Colli, e l’esposizione di oggetti personali e materiale inedito del grande filosofo e del figlio che ne curò l’opera postuma; i simposi su Il mito greco nella psicoanalisi (il 23 alle ore 19), La persistenza del mito greco nella letteratura contemporanea (il 27 alle 18.30); Buddhismo e sapienza greca, convergenze e parallelismi (il 20 alle ore 12);Il cielo sopra Platone, osservazione astronomica con telescopi nel Golfo dei Poeti, tra mitologia e scienza (il 20 luglio alle 21.30); una degustazione guidata da Gabriella Molli ai cibi e aromi della tradizione greco-romana (il 26 alle 12); il laboratorio per bambini, Disegnare il mito (domenica 27 alle 10-12, Artemisia Servizi Culturali)  e quello per bambini e adulti, Vestivamo all’antica (sabato 26 alle 16-19, a cura del Museo del Castello di la Spezia).

Martedì 22 ore 22.45, dopo la lectio di Caterina Barone, MythosLogos ospita PREMIO IPAZIA ALLA NUOVA DRAMMATURGIA- Festival dell’Eccellenza al Femminile. Cerimonia di Premiazione I° Edizione   Conduce: Giovanna Rosi, giornalista. Con: Consuelo Barilari,  Dir. Festival dell’Eccellenza al Femminile; Ferdinando Gismondi, Antica Gioielleria Gismondi- Genova, sponsor del Premio;  Letizia Sperzaga, vincitrice del Premio Ipazia I°edizione. Letture dall’opera vincitrice “MiIle volte tua” con Gaia De Laurentis. 

SIGNIFICATIVA LA PARTECIPAZIONE DI UNA DECINA DI ALLIEVI DEL LICEO PARENTUCELLI DI SARZANA CHE COLLABORERANNO COME STAGISTI ALLA RASSEGNA, E INTERVERRANNO CREATIVAMENTE CON IL LORO COLLETTIVO SYNERGHEIA. In caso di pioggia tutti gli eventi previsti all’aperto nel lungomare di Lerici si svolgeranno in sala Consiliare alla stessa ora.

TUTTI GLI EVENTI DI MYTHOSLOGOS SONO COMPLETAMENTE GRATUITI

 

Per info:

angelo.tonelli.noos@gmail.com; http://www.arthenaweb.org; Facebook: Associazione Culturale Arthena

website: www.mythoslogos.webly.com, a cura di Jacopo Giovenale

 

We are all Greeks”

“Siamo tutti Greci”.

Le nostre leggi, la nostra letteratura, la nostra religione, le nostre arti hanno le loro radici in Grecia. Se non fosse stato per la Grecia… saremmo ancora selvaggi o idolatri”

(Percy Bisshe Shelley, prefazione a Hellas, 1821)

 

 

“Der Mythos als Schöpfung der Griechen ist also nur die eine Hälfte ihrer Leistung; die andere, der Logos, ist seine notwendige Ergänzung”.

“Il mito come creazione dei Greci è solo una metà della loro prestazione; l’altra, il logos, è il suo necessario compimento”.

   (Wilhelm Nestle, Vom Mythos zu Logos. Die Selbstentfaltung der griechischen Denkens vom Homer bis auf die Sophistik und Sokrates, Stuttgart 1942)

 

“The thought of what America would be like

If the Classics had a wide circulation

Troubles my sleep…”

“Il pensiero di che cosa l’America sembrerebbe

se i classici avessero un’ampia diffusione

agita il mio sonno…”

(Ezra Pound, da Cantico del Sole)

L’evento è patrocinato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo; Ambasciata di Grecia a Roma; Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Lerici; Associazione Culturale Arthena; Provincia di La Spezia.

Contribuiscono: Banco Credito Cooperativo-Banca Versilia Lunigiana e Garfagnana; Bar Il Pontile; Indunavi; Hotel Byron; Hotel Italia; Hotel Ondine; Ristorante I Pescatori; Ristorante Il Molo; Ristorante Al Cantiere; Ristorante Da Paolino; Cantine Lunae Bosoni.

Gli Enti che hanno dato adesione sono: Centro Ellenico di Cultura-Comunità ellenica di Milano; Federazione Delle Comunità e Confraternite Elleniche in Italia; Istituzione per i Servizi Culturali di La Spezia-Museo Castello San Giorgio di La Spezia; Progetto Fondazione Nuova Eleusis; Marsilio Editore; Edizioni Agorà & Co., Lugano; Moretti e Vitali Editore; Libreria Giunti Lerici; Libreria Contrappunto La Spezia; Libreria Mondatori di Sarzana Società Marittima Mutuo Soccorso di Lerici; Società Mutuo Soccorso di Tellaro; Liceo Classico e Scientifico Parentucelli; Centro Associativo l’Aquilone; Coopselios;; Consorzio Castello di Lerici; Rifugio CAI Carrara, Campocecina.

 

 

Calendario degli Eventi

 

Mythoslogos 2014

 

Domenica 20 luglio

Ore 12, Bar Pontile (Lungomare di Lerici), Taeri Sunim, Monaco buddhista e Ettore Fili, Studioso del Buddismo: Buddismo e Sapienza greca a confronto.

ore 19.00 Castello di San Terenzo,   inaugurazione di Nel nome di Dioniso, a cura di Antonietta Grassi e e Susanna Salvi. Interviene Paola Polito, con canti in greco antico dai testi originali dei tragici. Oltre a una Mostra di maschere per teatro greco frutto del lavoro decennale di Antonietta Grassi per la Compagnia Teatro Iniziatico, il castello, occupato simbolicamente dall’unica compagnia teatrale italiana che si dedichi esclusivamente al teatro greco, ospita per tutta la durata di MythosLogos la proiezione di L’Uovo d’argento, una serie di film RAI di Marco Colli dedicati alle aree archeologiche della Magna Grecia, documentari dedicati al Teatro Iniziatico, i bozzetti per le scenografie del Teatro Iniziatico di Giuliano Diofili e le fotografie di Ugo Ugolini.

Ore 21.30 Belvedere dietro il Molo di Lerici, a cura di Società marittima di Mutuo Soccorso di Lerici: Il cielo sopra Platone: osservazione astronomica   con telescopi nel Golfo dei Poeti, tra mitologia e scienza. Piero Ceppodomo ( soc Marittima /Astrolunae)  presentazione della serata focalizzando la simbiosi tra la filosofia greca (dai pre-socratici in poi) e le prime indagini astronomiche, nate proprio in  quell’ epoca e in quella parte del mondo. Roberto Zambelli (Presidente di Astrolunae):  storie mitologiche su alcune costellazioni (visibili in quella sera) e  aneddoti  curiosi.
Il tutto con l’installazione di telescopi (2 o 3)  a disposizione del pubblico.

Lunedì 21 luglio

Ore 12 Bar Pontile, Enrico Bardellini,   Docente di Storia dell’Aerte e Studioso di interconnessioni tra arte, pensiero e società: Il mito e il pensiero greco nell’interpretazione del primo Cristianesimo.

Ore 18.30 Castello di Lerici (accessibile con ascensore)

Inaugurazione della mostra di libri di Tallone Editore: Alle fonti della classicità

Ore 18.30 Il porto di Luni e il Golfo della Spezia: Lucia  Gervasini – Soprintendenza per i beni archeologici della Liguria: Portus Lunae e golfo della Spezia. Due sistemi portuali a confronto

A. Chelli (Dipartimento di Fisica e Scienze della Terra-Università degli Studi di Parma), Marta Pappalardo (Dipartimento di Scienze della Terra-Università degli Studi di Pisa), Il livello del mare in età romana: indicatori geomorfologici e geoarcheologici per la ricostruzione della linea di costa lunense e nel golfo della Spezia. Segue brindisi.

ore 21. 30   Palco alla Rotonda dei Giardini

Presentazione dell’evento con il Sindaco di Lerici Marco Caluri; l’Assessore alla Cultura Olga Tartarini; il Commissario della Provincia di Spezia Marino Fiasella; Nikos Frangos, Presidente Centro Ellenico di Cultura e Segretario Comunità e Confraternite Elleniche in Italia; Collettivo Synérgheia del Liceo Parentucelli..

Angelo Tonelli: Prolusione: La sapienza greca delle origini e le radici antiche della nostra cultura come risorsa per una rigenerazione spirituale della civiltà contemporanea.

Valerio Meattini, Ordinario di Filosofia teoretica e Filosofia della mente, Università di Bari: Lectio magistralis, Mythos e Logos: Archetipi della sapienza e modelli della scienza.

Interventi musicali di Ylenia Volpe, Fisarmonica classica

Martedì 22 luglio

Ore 8.45 Fontana di Piazza Garibaldi: Enrico Calzolari, semiologo dell’ambiente: Visita guidata alla Cisterna Romana di Redarca e alla Caletta di Fiascherino seguendo una lettera di Max Weber.

Ore 18. 30 Castello di Lerici (accessibile con ascensore): Simposio su Vestigia romane nel Golfo dei Poeticon gli studiosi di storia locale: Gino Cabano (Presenze romane nel Carpione), Enrico Calzolari (Le colonne romane trovate alla Caletta di Fiascherino),   Francesco Ginocchio (Segni), Gino Ragnetti (Luna). Moderatore: Riccardo Bonvicini, giornalista.

Ore 21. 30, Palco della Rotonda: Caterina Barone, Docente di Drammaturgia Antica Università di Padova, Lectio magistralis: Forme e figure femminili tra Grecia antica e letteratura contemporanea. Interviene l’attrice Susanna Salvi

Ore 22.45, dopo la lectio di Caterina Barone, MythosLogos ospita PREMIO IPAZIA ALLA NUOVA DRAMMATURGIA- Festival dell’Eccellenza al Femminile. Cerimonia di Premiazione I° Edizione   Conduce: Giovanna Rosi, giornalista. Con: Consuelo Barilari,  Dir. Festival dell’Eccellenza al Femminile; Ferdinando Gismondi, Antica Gioielleria Gismondi- Genova, sponsor del Premio;  Letizia Sperzaga, vincitrice del Premio Ipazia I°edizione. Letture dall’opera vincitrice “MiIle volte tua” con Gaia De Laurentis. 

Mercoledì 23 luglio

Ore 19, Bar Pontile, Simposio: Il mito greco nella psicoanalisi, con gli psicanalisti Maria Rosa Calabrese, Nello Castaldo, Carmen Fallone, Mario Mencarini. Presenzia Adriana Bottini, traduttrice ufficiale delle opere di James Hillman per Adelphi

Ore 21. 30 Palco della Rotonda, Umberto Galimberti, Lectio magistralis: La sapienza greca.

Giovedì 24 luglio

Ore 19, Bar Pontile, Tomaso Kemeny, Poeta, giàProfessore ordinario di Letteratura Inglese all’Università di Pavia: Byron, Shelley e i Greci.

Ore 21. 30 Pontile della Navigazione e Palco della Rotonda: Argonauti nel Golfo degli Dei, sbarco poetico dalla nave Argò e corteo guidato dai trampolieri acrobati del gruppo Nouvelle Lune, con lettura di testi propri e dai lirici greci da parte di poeti e attori, con Tomaso Kemeny, Isabella Vergano, Francesco Macciò, Angelo Tonelli e altri. Antonella Tronfi,   Soprano, canterà l’aria Che farò senza Euridice da Orfeo e Euridice e il frammento Lamento di Arianna, di Monteverdi. Associazione Prodanza, performance di Valeria Antonini e Michela Godani: Il vaso di Pandora. Musiche dal vivo del trio Antiqua Lunae: Alessandro Cucurnia (arpa), Daniele Dubbini (flauto), Nicola Caleo (tamburo, percussioni) Simone Sonatori (basso). Performance di Annalisa Maggiani, danzatrice espressionista, da Il Labirinto di Orfeo.

 

Venerdì 25 luglio           

Ore 18.30, Tellaro, Piazzetta dell’Oratorio n’Selaa (in caso di maltempo all’interno dell’Oratorio): Marco Colli, Regista cinematografico e teatrale, Andrea Costa, Maurizio Rossi, Valerio Meattini e altri: Presentazione degli Atti del Convegno “Il giovane Colli” (Agorà Editore). Per gentile concessione della famiglia e dell’Archivio Colli, nell’Oratorio verrà esposto materiale inedito e documentazione significativa del lavoro di Giorgio e Enrico Colli.

Ore 21.30 Palco alla Rotonda: Gabriele La Porta, Scrittore, Giornalista, già Direttore di RAI 2 Notte, Deus absconditus, ovvero l’irresistibile permanenza di Dioniso.

Sabato 26 luglio

Ore 12, Bar Pontile: Gabriella Molli, giornalista, studiosa di gastronomia della Lunigiana storica: Il filo della della “grecità” dalla Grecia, al Metaponto, a Roma, fino a noi. Degustazione guidata di cibi e aromi della tradizione greco-romana.

Ore 16-19, Piazzetta Tarabotto, Giardini Pubblici, a cura del Museo del Castello, Collezioni Civiche Archeologiche “Ubaldo Formentini”: Vestivamo all’antica…Valenze sociali e vanità nella moda romana: Laboratorio gratuito per bambini e adulti a cura delle Dottoresse Amanda Moruzzo e Sara Lenzoni (Cooperativa Zoe) Il percorso intende illustrare l’abbigliamento antico quale riflesso di fenomeni sociali, culturali e economici. I capi di vestiario saranno presentati, infatti, come identificativi del ceto, del ruolo pubblico, dell’età di chi li indossava, ma non verranno tralasciate le esigenze della vanità, sia femminile che maschile, che influivano sulla scelta dei colori dei tessuti, degli accessori, del maquillage, delle fogge delle acconciature. L’attività di laboratorio vedrà i partecipanti diventare stilisti di moda antica e dare vita a una vera e propria sfilata. Gradita la prenotazione presso PUNTO INFORMAZIONE alla Rotonda dei giardini. Ingresso gratuito.

Ore 19, Bar Pontile: Giuseppe Conte, Scrittore: Conferenza su Il Mito e il Moderno. Presenta Adriana Beverini, Presidente del Premio Montale Fuori Casa.

Dalle ore 20, Piazza Garibaldi: Simposio con degustazioni a cura di Associazione Nuova Lerici; musiche da festa con fisarmonica e canti greci e balcanici di Nicola Rinaldo.

Ore 21.30: Palco della Rotonda, Hellenomania: notte greca con il grande concerto degli Evi Evan al ritmo del rebetikon e del sirtaki, conDimitris Kotsiouros: bouzouki, baglama, voce; George Strimpakos: baglama, voce, cori; Simone Branchesi: fisarmonica, voce; Daniel Ercoli: basso, cori; Luca Cioffi: darbuka, percussioni; Emiliano Maiorani: chitarra.

Ore 21.30-01.30 AGALMA: AGALMA, Proiezione di architetture luminose sul Castello di Lerici.

Domenica 27 luglio

Ore 10-12, Piazzetta Tarabotto, Giardini Pubblici: Artemisia Servizi Culturali: Laboratorio gratuito per bambini: Disegnare il mito

Ore 18.30, Bar Pontile: Simposio: Persistenza del mito greco nella letteratura contemporanea, con Antonio Melillo, critico letterario; Giancarlo Micheli, scrittore, critico letterario; Antonio Zollino, Ricercatore presso Università Cattolica di Milano; Paola Polito, critico letterario.

Ore 21. 30, Palco alla Rotonda: Compagnia Teatro Iniziatico, Euripide: Troiane. Regia di Angelo Tonelli. Libero adattamento da Euripide, Troiane,  nella traduzione di Angelo Tonelli. Genere drammatico. Dròntes: Luigi Armelloni, Fabiana Del Bianco, Greta Di Sacco, Jo Errico, Antonietta Grassi, Michele Karuz, Solange Passalacqua, Susanna Salvi. Assistenza Regia: Susanna Salvi; Scenografia: Giuliano Diofili; Coreografie: Annalisa Maggiani; Musiche: Paola Polito, (voce e adattamento da testo greco), Vangelis, Lisa Gerrard e altri. Costumi: Maria S. Couture. Maschere: Antonietta Grassi. Editing audio e registrazione: La Loggia Studios; Tecnico audio e luci: Adriano Salvi

PER TUTTA LA DURATA DI MYTHOSLOGOS  

TUTTI I BAR E RISTORANTI DI LERICI, TELLARO E SAN TERENZO REALIZZERANNO MENU E APERITIVI ELLENICI

STAND PERMANENTE CON ESPOSIZIONE-VENDITA DI CLASSICI GRECI E LATINI A CURA DI LIBRERIA GIUNTI DI LERICI. ADERISCONO LIBRERIA MONDADORI DI SARZANA E CONTRAPPUNTO DI SPEZIA.

IN CASO DI PIOGGIA GLI EVENTI PROGETTATI PER GLI SPAZI ALL’APERTO GIARDINI PUBBLICI E DELLA ROTONDA DI LERICI VERRANNO REALIZZATI IN SALA CONSILIARE A LERICI ALLA STESSA ORA.

Installazioni artistiche:

Installazioni: Desiree Fitzgibbon; Raffaele   Cavaliere, Gian Luca Cupisti, Giuliano Diofili, Anna Ferrari, Carla Lazagna, Sergio Mazzanti, Beppe Mecconi, Hellen Riga, Mario Tamberi, Graziano Dovichi, Bruno Larini, Gino D’Ugo; Jaya Cozzani, Collettivo Synérgheia, del Liceo Classico Parentucelli di Sarzana.

Gli studenti del Liceo Classico e Scientifico Parentucelli, oltre a collaborare come stagisti alla realizzazione dell’evento, creeranno installazioni e performances a tema, e seguiranno l’evento con interviste per il loro Giornalino di Istituto.

Eventi collegati con MythosLogos:

Sabato 19 Luglio, ore 18 Campocecina, Carrara, Rifugio CAI,: Troiane di Euripide, regia di Angelo Tonelli

Sabato 2 agosto ore 21.30, inaugurazione della mostra di Giuliano Diofili, Graffiti Archetipi 1982-1985, presso spazio progetto Nuova Eleusis, Sarzana, Via dei Giardini 14

Mercoledì 13 agosto ore 21.30, inaugurazione della mostra di Andrea Magni, Ritografie elleniche, presso spazio Progetto Nuova Eleusis, Sarzana, Via dei Giardini 14

 

In data da destinare:

Pozzuolo di Lerici, Località Le tre Strade 15, Scuola Arthena,: Al cinema come una volta, Proiezione di Medea di Pasolini e altri film greci, a cura di Davide Borghini eSolange Passalacqua

Paolo Bertini (chitarra), Francesca Nieddu (voce recitante): Heroides di Ovidio. Finger picking
di brani contemporanei. Traduzioni e regia di Paolo Bertini.

Aderiscono tra gli altri con menu ellenici i seguenti Ristoranti, Bar e esercizi:

Lerici, Ristoranti: Hotel del Golfo, Al Cantiere, Da Paolino, Golfo dei Poeti, La Calata, Da Luisa, Il Giogo, Enoteca Baroni, N’Tragià, Bontà Nascoste, Il Frantoio, La Mano di Fatima, Le Vele,   Ristorante del Molo; Follia; Mare Blu; Il Fagolo;; Osteria Il Vicolo; Bar: Il Pontile, Costa, Cristallo, Mary’s Pub, Perla, Borgata Marinara; La Magnolia; Bar Corona; Hotel: Venere Azzurra, Shelley; Gelaterie: Papavera; Lungomare; Cono o coppetta? Fotomat di Lucchesi Marisa; San Terenzo, Ristoranti: Stralunà, La locanda del sole nero, Le delizie del mare (Hotel Nettuno), Cristobal; Fuoco e Fiamme; Tony Pizzeria Va e vieni; Bar: Art Cafè; Carpe Diem; Il Portiolo; Big Bar; Bar Oriani; Gelaterie: Bar Gelateria Teddy; Gelateria Il Borgo; Tellaro, Ristoranti: La Gritta; Lupo di Mare; Bar: Underground;Le Ondine; La Marina; Il Guercio: Bar Amnesy; Sarzana: Ristorante Greco Mykonos.

Gioielleria Ugolini; Fotomat di Lucchesi Marisa

 

Un ringraziamento particolare   a

Bar Il Pontile, Indunavi, Ristorante Dei Pescatori, Ristorante Al Cantiere, Ristorante Del Molo, Ristorante Da Paolino, Hotel Byron, Hotel Italia, Hotel Ondine, Bosoni Cantina Lunae, Bar Cristallo

INFO: angelo.tonelli.noos@gmail.com; www.arthenaweb.org;

Facebook: Associazione Culturale Arthena

website: www.mythoslogos.webly.com, a cura di Jacopo Giovenale

 

 

Poetica dell’evento:

 

Perché a Lerici?

La scelta di Lerici e della Provincia di Spezia in generale, come sede per l’evento, ha motivazioni legate al genius loci e alla storia del Golfo, che è ricchissimo esso stesso di insediamenti romani, per non dire della più nota area archeologica di Luni, che è un sito di altissimo rilievo storico e archeologico. Nell’acclarato sistema di relazioni tra cultura latina e cultura greca di cui si ha ampia traccia nella produzione letteraria, filosofica, artistica, e nella storia del costume – per citare solo alcuni esempi – la realtà di Luni può essere considerato un caso esemplificativo in quanto città ricca e raffinata, che per via del suo porto ha una naturale vocazione in primo luogo ai contatti e agli scambi di merci, ma sicuramente anche di uomini e di idee. Il rinvenimento di epigrafi che celebrano l’offerta da parte di personaggi illustri di opere d’arte provenienti da varie località della Grecia e quella di oggetti di importazione o di ispirazione ellenica ne sono testimonianza. Altrettanto si può dire per iscrizioni bilingui in latino e greco rintracciate in Lunigiana e sicuramente provenienti dall’area di Luni, datate primo secolo dopo Cristo e che testimoniano la presenza certa di lavoratori greci.

Il Golfo e la grecità

 

Anche il Golfo di Spezia, e la Liguria di cui fa parte, ha una tradizione di legami con la grecità, per il comune e condiviso paesaggio costiero mediterraneo, propizio allo sviluppo di una fantasia lirico-mitopoietica non troppo lontana da quella che fiorì nella cultura greca (se ne trovano tracce evidenti, per esempio, in Mediterraneo di Montale); anche i suoi più illustri frequentatori, Byron, Shelley e Lawrence erano appassionati di grecità, tanto che Byron andò a morire a Mesolonghion in Grecia, e Shelley celebra ampiamente la grecità in particolare nel suo libro Defense of Poetry. Inoltre il libro dello studioso spezzino Ubaldo Formentini “I divini abitatori del Golfo”, rievoca con suggestioni toponomastiche e collegamenti talora arditi il legame tra mitologia greca e Golfo. Senza dimenticare che le navi magnogreche, alla volta di Marsiglia, transitavano per una rotta parallela alla nostra costa, che non escludeva approdi sul litorale ligure e lunense. In sintesi: nel Golfo ci sono tutti gli indizi di una presenza del mondo antico in quanto componente costitutiva del paesaggio e del genius loci, ovvero dell’anima e della cultura del luogo in cui viviamo. Si pensi al nome stesso di Porto Venere, l’ellenica Afrodite, alla ben documentata presenza romana nel Golfo, dalle battaglie al Senato di Lerici, alla colonna ritrovata alla Caletta di Fiascherino, alle numerose vestigia di ville romane (Bocca di Magra, Fezzano etc), e soprattutto alla densità di ritrovamenti a Marola, San Vito, Muggiano, ma anche nel centro di Spezia, in via Biassa.

Uno dei punti di forza della Rassegna, che quest’anno si concentra sulla grecità, sarà la ricostruzione di una visione della grecità non fondata sul modello “ariano”, ma come luogo di originale rielaborazione di un sostrato culturale, linguistico, mitologico e rituale che va dall’Egitto all’estremo Oriente alla Persia alla Mesopotamia, alla regione Baltica.

 

I doni dell’amore: cosa ne pensate?

Carissimi,

cosa ne pensate?

[...] Ma per accedere ai doni dell’amore dobbiamo in qualche modo mettere da parte il nostro io e la nostra abituale visione del mondo, perché l’altra parte di noi stessi possa emergere, sorprenderci e sconvolgerci. Amore infatti non è una cosa tranquilla, delicata, gentile, comprensiva, rispettosa, e tanto meno suggello di fede eterna, che è un desiderio troppo rassicurante per il lavoro che amore compie quando, bruscamente, ci sveglia dalla consuetudine monotona della nostra esistenza, dall’immagine ben strutturata della nostra identità, dai nostri desideri che cercavano appagamento quando invece amore è sconvolgimento. Solo se comprendiamo queste cose ci portiamo all’altezza dell’amore che una cosa sola vuole: che la nostra vita non prosegua più sul binario stanco sul quale le nostre difese, e allo stesso modo, le nostre attese lo avevano incanalato, sotto il regime del nostro io che si difendeva dall’altra parte di noi stessi che pure invocava di vivere”.

Umberto Galimberti da D la Repubblica.

Siete d’accordo? Fatemi sapere le vostre opinioni.

Gabriele

 

 

Segni

“Tutte le cose sono piene di segni, ed è un  uomo saggio chi riesce ad  imparare una cosa da un’altra.”

Plotino

Il divino

Il divino è il luogo della vita, il principio e la sorgente vera dell’anima e dell’intelligenza”.

Plotino

Da “D la Repubblica”: i giovani oggi

“[...]  Oggi che l’unico valore egemone nella nostra società è il denaro che tutto può comprare, persino il sesso e il potere, cosa si pensa che possano acquisire e volere i giovani, se non “le belle cose”, come scrive Platone, che sfilano davanti alla caverna dove sono incatenati gli schiavi? E però, come nel mito della caverna, uno schiavo si libera dalle catene, esce dall’antro e prende a guardare e ad ammirare le “cose vere”. E’ un percorso difficile, che avviene in solitudine, accompagnato dal riso e dal disprezzo di quanti dalla caverna non sono usciti, rassicurati dalla loro prigionia. Una prigionia, che, al pari degli schiavi di cui parla Platone, i giovani di oggi non avvertono come schiavitù, perché le catene sono dorate e luccicanti. E perciò pensano di essere, più degli altri, all’altezza dei tempi, perché hanno lasciato alle spalle libri e cultura, impegno e rispetto. Valori d’altri tempi, anche se verrà il giorno in cui avvertiranno il vuoto che li circonda e il nulla in cui orientarsi. Ma resta pur sempre il divertimento con cui distrarsi, il vivere il presente in presa diretta 24 ore su 24, anche se nel frattempo la loro vita, vissuta da virtuosi dell’irresponsabilità, si srotola in un esperimento dall’esito incerto”.

Umberto Galimberti

Opinioni

Non sono le cose che turbano l’uomo bensì le opinioni che egli ne ha” .

Epitteto

Ricerca

La grandezza dell’uomo si misura in base a quel che cerca e all’insistenza con cui egli resta alla ricerca.

Heidegger

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 382 follower